venerdì 09 dicembre | 09:21
pubblicato il 17/apr/2013 17:28

Pensioni: Cgia Mestre, piu' ricche ad ex dipendenti Alitalia e Telecom

(ASCA) - Roma, 17 apr - Con un importo medio mensile lordo per beneficiario di oltre 3.500 euro, gli ex dipendenti del settore del volo guidano la classifica dei pensionati Inps piu' ricchi d'Italia. Seguono i telefonici, con 1.986 euro mensili lordi e gli elettrici, con 1.938 euro mensili lordi.

Valori, segnala la CGIA di Mestre, lontani anni luce dalle categorie che occupano le ultime posizioni di questa speciale graduatoria. Infatti, a percepire gli assegni piu' ''leggeri''- spiega la Cgia - sono i lavoratori autonomi, come gli artigiani, che ricevono un assegno mensile lordo di 838 euro, i commercianti, con 767 euro e i coltivatori diretti, mezzadri e coloni, con 576 euro. ''Per questi beneficiari - fa notare il segretario della CGIA Giuseppe Bortolussi - il basso importo della pensione e' legato al valore dei contributi previdenziali versati da tali categorie nel corso della loro carriera lavorativa. In generale, gli autonomi da sempre hanno versato meno di altre categorie, anche se nel giro di qualche anno l'aliquota contributiva dei lavoratori autonomi e' destinata ad allinearsi a quella applicata ai lavoratori dipendenti''.

In ogni caso, rimane il fatto che gli ex lavoratori di Alitalia percepiscono un importo pensionistico mensile medio pari a circa il doppio di un ex dipendente del settore del gas e di circa 4 volte superiore all'assegno percepito da un ex lavoratore dipendente o di quello erogato ad un ex artigiano o ad un ex commerciante.

La CGIA sottolinea che il numero di pensioni erogate dall'Inps sono di poco superiori a 18 milioni e 200 mila unita'. La categoria piu' numerosa e', chiaramente, quella relativa ai lavoratori dipendenti: per questa gestione l'Inps eroga poco meno di 9 milioni di pensioni ogni mese.

''A parziale giustificazione dell'elevato vitalizio percepito dagli ex lavoratori del settore del volo - segnala il segretario della CGIA Giuseppe Bortolussi - va ricordato che l'aliquota contributiva dei dipendenti delle societa' aeree e' da sempre piu' elevata di quella applicata alle altre categorie. Tuttavia, questo differenziale giustifica solo parzialmente l'elevata consistenza economica delle prestazioni previdenziali''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina