venerdì 20 gennaio | 23:48
pubblicato il 17/apr/2013 17:28

Pensioni: Cgia Mestre, piu' ricche ad ex dipendenti Alitalia e Telecom

(ASCA) - Roma, 17 apr - Con un importo medio mensile lordo per beneficiario di oltre 3.500 euro, gli ex dipendenti del settore del volo guidano la classifica dei pensionati Inps piu' ricchi d'Italia. Seguono i telefonici, con 1.986 euro mensili lordi e gli elettrici, con 1.938 euro mensili lordi.

Valori, segnala la CGIA di Mestre, lontani anni luce dalle categorie che occupano le ultime posizioni di questa speciale graduatoria. Infatti, a percepire gli assegni piu' ''leggeri''- spiega la Cgia - sono i lavoratori autonomi, come gli artigiani, che ricevono un assegno mensile lordo di 838 euro, i commercianti, con 767 euro e i coltivatori diretti, mezzadri e coloni, con 576 euro. ''Per questi beneficiari - fa notare il segretario della CGIA Giuseppe Bortolussi - il basso importo della pensione e' legato al valore dei contributi previdenziali versati da tali categorie nel corso della loro carriera lavorativa. In generale, gli autonomi da sempre hanno versato meno di altre categorie, anche se nel giro di qualche anno l'aliquota contributiva dei lavoratori autonomi e' destinata ad allinearsi a quella applicata ai lavoratori dipendenti''.

In ogni caso, rimane il fatto che gli ex lavoratori di Alitalia percepiscono un importo pensionistico mensile medio pari a circa il doppio di un ex dipendente del settore del gas e di circa 4 volte superiore all'assegno percepito da un ex lavoratore dipendente o di quello erogato ad un ex artigiano o ad un ex commerciante.

La CGIA sottolinea che il numero di pensioni erogate dall'Inps sono di poco superiori a 18 milioni e 200 mila unita'. La categoria piu' numerosa e', chiaramente, quella relativa ai lavoratori dipendenti: per questa gestione l'Inps eroga poco meno di 9 milioni di pensioni ogni mese.

''A parziale giustificazione dell'elevato vitalizio percepito dagli ex lavoratori del settore del volo - segnala il segretario della CGIA Giuseppe Bortolussi - va ricordato che l'aliquota contributiva dei dipendenti delle societa' aeree e' da sempre piu' elevata di quella applicata alle altre categorie. Tuttavia, questo differenziale giustifica solo parzialmente l'elevata consistenza economica delle prestazioni previdenziali''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4