giovedì 19 gennaio | 08:25
pubblicato il 03/gen/2013 12:15

Pensioni: a riposo piu' tardi con riforma Fornero ma resta nodo esodati

Pensioni: a riposo piu' tardi con riforma Fornero ma resta nodo esodati

(ASCA) - Roma, 3 gen - In pensione piu' tardi. E' questa la principale misura della riforma delle pensioni messa a punto da Elsa Fornero ed entrata in vigore dal primo gennaio. Il ministro del lavoro del governo tecnico guidato da Mario Monti ha cosi' messo mano ad un provvedimento che, di fatto, dal 2013 modifica sia l'eta pensionabile, sia i requisiti per ritirarsi dal lavoro, chiudendo definitivamente la finestra mobile per andare a riposo con le vecchie regole.

Per gli uomini la pensione anticipata sostituisce quella di anzianita'. La novita' si trova nell'abolizione delle quote e nell'incremento di un anno per gli anni di contributi necessari per l'uscita dal lavoro. Per la pensione di vecchiaia basteranno cosi' 66 anni e 3 mesi, rispetto ai 66 anni in vigore fino alla fine del 2012, mentre per la pensione anticipata ci vorranno 42 anni e 5 mesi di contributi (41 anni e 5 mesi per le donne). Per i lavoratori dipendenti e' prevista un'eccezione con la possibilita' di andare in pensione a 64 anni se si sono maturati entro il 2012 i 60 anni di eta' e i 35 anni di contributi.

Per le donne l'aumento e' significativo per il fatto che l'eta' aumentera' gradualmente fino al 2018, quando sara' equiparata a quella degli uomini. Dal 2013 le lavoratrici dipendenti andranno in pensione con 62 anni e tre mesi di eta', mentre per le autonome 63 anni e 9 mesi. Fino alla fine dello scorso anno le dipendenti andavano in pensione di vecchiaia con 61 anni (60 piu' uno di finestra mobile) e le lavoratrici autonome con 61 anni e mezzo (60 anni piu' 18 mesi di finestra mobile). A partire dal 2014 ci vorranno 63 anni e 9 mesi per le dipendenti e 64 anni e 9 mesi per le lavoratrici autonome. Il governo ha poi previsto una sorta di ''cuuscinetto'' per evitare il salto repentino previsto per gli anni successivi prevedendo che le dipendenti che abbiano compiuto 60 anni entro il 2012 possano andare in pensione a 64 anni e 7 mesi (quindi nel 2016 senza rischiare l'ulteriore scalino a 65 anni e tre mesi).

Nonostante le misure adottate resta aperto un problema decisamente urgente: gli esodati. La matassa dei lavoratori che, per effetto della riforma previdenziale, restano senza stipendio ne' pensione, quindi, non e' ancora del tutto sbrogliata. Nonostante i tre decreti e i 10 miliardi di finanziamenti pubblici che hanno offerto una scialuppa di salvataggio a 130 mila italiani che erano stati spiazzati dalle nuove regole, il numero dei cosiddetti ''esodati'' resta comunque alto.

Il primo decreto che puntava al recupero di 65 mila esodati pensionabili entro fine 2013 e' stato definito e protegge 25 mila lavoratori in mobilita' ordinaria, 17 mila sotto la copertura dei fondi di solidarieta', 10 mila appartenenti alla categoria dei prosecutori volontari, 3.500 in mobilita' lunga e un migliaio tra esonerati e lavoratori in congedo. Quanto ai 55 mila che sono rientrati nell'alveo del welfare italiano lo scorso luglio quando e' stata varata la serie di misure passata alla storia come spending review, la situazione e' irrisolta in quanto manca un decreto attuativo del ministero del Lavoro. Nella Legge di stabilita' e' stato poi adottato un emendamento che amplia di altre 10 mila unita' la platea dei dipendenti senza protezione, di questi, 800 appartengono alla mobilita' ordinaria, circa 5 mila sono quelli protetti a patto di aver abbandonato l'impiego in seguito alla sottoscrizione, entro il 31 dicembre 2011, di accordi collettivi o individuali.

Al momento definire con precisione quante persone restano senza tutele non e' facile. Ci ha provato la Cgil sostenendo che gli esodati sono 200 mila. Per lo piu' lavoratori di piccole e medie imprese del nord, agricoltori, interinali e donne. Il sindacato arriva a questa cifra mettendo insieme spezzoni sociali cui le norme del parlamento non hanno offerto protezione e, in particolare, tutti i lavoratori che hanno sottoscritto accordi di mobilita' validi dopo il 4 dicembre 2011, oppure quelli che hanno firmato fuori dalle sedi di carattere governativo.

Restano fuori quindi i lavoratori che hanno firmato accordi territoriali o aziendali, oltre a chi, entro il 6 dicembre 2011, non aveva ancora effettuato un solo versamento volontario. Molte lavoratrici poi, in base alla riforma del '92, potevano andare in pensione a 60 con soli 15 anni di contributi, ma con la riforma questo non e' piu' possibile.

glr/rf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina