venerdì 24 febbraio | 13:25
pubblicato il 04/ago/2014 18:30

*Pechino punta sull'Italia, shopping su Fiat e Telecom

+++People Bank of China detien anche il 2% in Eni e Enel+++ (ASCA) - Roma, 4 ago 2014 - La Cina scommette sull'Italia. La conferma arriva dagli investimenti a nove zeri che Pechino sta effettuando nel Belpaese. Nel giro di una settimana quasi 3 miliardi di euro investiti. State Grid ha staccato un assegno da 2,1 miliardi di euro per Cdp Reti (la holding che controlla Snam e Terna) mentre People Bank of China ha acquistato partecipazioni intorno al 2% in Fiat, Telecom e Prysmian che vanno ad aggiungersi alle quote acquistate in Eni e Enel qualche mese fa.

Per la banca cinese un totale di quasi 3 miliardi di euro investiti a Piazza Affari nel giro di pochi mesi. Da un lato l'appeal rappresentato dai titoli italiani che mostrano un rapporto prezzo-utili conveniente rispetto ad altre piazze europee, dall'altro la conferma di un trend in atto da inizio anno di spostamento dei flussi di liquidita' dai mercati emergenti verso l'Europa e in particolare sulle economie dei paesi periferici. did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
P.A.
P.A., Madia: pronti a riavviare percorso per rinnovo contratto
Mps
Mps, Ft: Bruxelles e Bce divise sul salvataggio
P.A.
P.A., Madia: ok a ultimi cinque decreti, completata la riforma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech