martedì 28 febbraio | 18:38
pubblicato il 09/feb/2016 18:28

Paura sui mercati, a Milano bruciati 110 mld da inizio anno

Banche nel mirino e Atene scivola ai minimi da 27 anni

Paura sui mercati, a Milano bruciati 110 mld da inizio anno

Roma, 9 feb. (askanews) - Non si arresta la caduta dei mercati azionari. Sette sedute consecutive con indici in brusco calo e Milano che oggi si conferma la peggiore in Europa con il Ftse Mib che lascia sul terreno il 3,20% rompendo il supporto dei 16mila punti. Il bilancio di Piazza Affari è pesantissimo con quotazioni ormai a valori da saldo, in particolare per i bancari. Da inizio anno la Borsa di Milano accusa uno scivolone di oltre il 20%, quasi 110 miliardi di euro andati in fumo in termini di capitalizzazione.

"La volatilità sui mercati sta diventando molto elevata" afferma un trader. E la tensione ora si sposta anche sul mercato dei bond governativi sui crescenti timori di una ripartura del dossier Grecia.

Le vendite sull'azionario euriopeo sono generalizzate anche se l'epicentro della tempesta è il comparto del credito. Da ieri sotto i riflettori è finita Deutsche Bank sui rumors circa difficoltà del colosso tedesco a rimborsare una serie di bond subordinati. Una prima rassicurazione del cfo di Deutsche Bank ha alimentato il recupero del titolo ma poi sono tornate le vendite e le parole del ceo che "siamo solidi come una roccia" sono state ignorate dai mercati. Non sono servite neanche le parole del ministro Schauble che si è detto "non preoccupato su Deutsche Bank". Il bilancio è che la più grande banca tedesca ha perso oltre il 13% in appena due sedute.

La tempesta non ha risparmiato la Scizzera. Credit Suisse a fine seduta accusa un tonfo di quasi il 9% e Uba del 5,65% sulle indiscrezioni che la banca centrale possa penalizzare ulteriormente i tassi sui depositi.

Altra giornata da incubo per le banche greche con l'indice della Borsa di Atene che scivola ai minimi dal 1989. Eurobank ha perso oltre il 12%, National Bank il 9,70% e Pireus Bank il 6%.

A Milano le popolari le più colpite dall'ondata di vendite. Banco Popolare, Ubi e Bpm accusano scivoloni di oltre otto punti percentuali, male anche UniCredit mentre Mps termina in calo del 3%. Tra i titoli principali di Piazza Affari si salvano temecom con un rimbalzo di oltre tre punti e Mediaset.

In Europa dunque crescono i timori sul comparto bancario tanto che anche il ceo di Goldman Sachs è intervenuto sull'argomento. "le banche europee dispongono di molti canali per accesso alla liquidità" ha dichiarato il numero uno di Goldman.

I crescenti timori sul mercato azionario si riflettono anche sui titoli di Stato e sui cambi. Il decennale giapponese è stato ben acquistato con un rendimento in territorio negativo, il Bund tedesco si sta avvicinando allo zero. L'effetto delle manovre sui bond è stato un generale apprezzamento dello yen sui mercati. L'euro si rafforza sul dollaro con il cross che torna sopra quota 1,13, livello che non toccava dall'ottobre scorso.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Brexit
Brexit può costare cara all'Italia sul contibuto al bilancio Ue
Generali
Generali, Donnet: le prospettive sui conti vanno benissimo
Welfare
Inps: al via nuovo piano assistenza per 30mila non autosufficienti
Inflazione
L'inflazione accelera, a febbraio all'1,5% ai massimi da 4 anni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Europa: porta aperte alla Cina nel segno del Turismo
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech