domenica 04 dicembre | 03:20
pubblicato il 25/nov/2013 12:00

Patuelli: con unione bancaria rischi fortissimi, agire subito

"Mali sono debito e fisco. Pericolo di diventare Sud d'Europa"

Patuelli: con unione bancaria rischi fortissimi, agire subito

Ravenna, 25 nov. (askanews) - L'unione bancaria europea potrebbe essere fonte di opportunità per l'Italia, ma ci sono anche rischi fortissimi che potrebbero portare il paese a diventare il "Mezzogiorno d'Europa". Lo ha detto il presidente dell'Abi, Antonio Patuelli, secondo cui "se l'Italia entra con tutti i suoi difetti e non li corregge, corriamo dei rischi fortissimi, imperniati sul binomio debito pubblico e fisco. Questo è il nostro morbo e deve essere avviato a soluzione con un circuito virtuoso, perchè abbiamo il debito più elevato in Europa e costi elevatissimi legati allo spread". "L'unione bancaria - ha sottolineato il numero uno dell'associazione bancaria in un seminario sul sistema creditizio - per l'Italia deve essere uno stimolo a correggere alcune sue nefaste abitudini, altrimenti rischia di essere un guaio. La sfida è far entrare in Europa tutta l'economia italiana, comprese le aree più deboli. Ma il rischio massimo - ha aggiunto - è che tutta l'Italia si meridionalizzi, che diventi il Mezzogiorno d'Europa, la zona più fragile del continente. Queste sono le potenzialità e i rischi, e dobbiamo porci le questioni per tempo". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari