lunedì 20 febbraio | 00:47
pubblicato il 17/gen/2014 12:00

Patuano: su Tim Brasil spazzare via dubbi conflitto di interessi

Procedura ancora più severa delle parti correlate rilevanti

Patuano: su Tim Brasil spazzare via dubbi conflitto di interessi

Milano, 17 gen. (askanews) - Il cda di Telecom Italia ha deliberato all'unanimità che Tim Brasil "è talmente importante che non ci deve essere nemmeno il dubbio di un conflitto di interessi, quindi verrà messa in piedi una procedura ancora più severa delle parti correlate rilevanti, includendo anche i contratti propedeutici all'inizio di eventuali trattative". Lo ha spiegato, in un'intervista a Repubblica, l'a.d. di Telecom, Marco Patuano, all'indomani del cda del gruppo che ha deliberato di definire una procedura ad hoc, che verrà esaminata il 6 febbraio, per la gestione di ogni eventuale operazione straordinaria riguardante Tim Brasil. "Se ci fosse un approccio non dovrei avviare alcuna negoziazione ma far scattare la procedura prevista che mi vede affiancato da un comitato formato in prevalenza da consiglieri indipendenti - ha aggiunto - Parallelamente dovrei tenere informato il resto del cda". Alla domanda se dovesse arrivare un'offerta prima del cda del 6 febbraio, Patuano ha spiegato: "allora convocherò immediatamente un consiglio straordinario senza avviare alcuna trattativa".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Kraft-Unilever
Kraft Heinz rinuncia a offerta acquisto Unilever
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia