martedì 24 gennaio | 12:43
pubblicato il 18/apr/2014 12:51

Pasqua: Fipe, per ristoratori sara' uovo senza sorpresa

(ASCA) - Roma, 18 apr 2014 - Per i ristoratori italiani, la Pasqua 2014 e' un uovo senza sorpresa. Nonostante il clima di leggero ottimismo che comincia di nuovo ad affacciarsi, gli esercenti - spiega la Fipe in una nota - restano ancora in attesa della ripresa dei consumi che non si verifichera' in questo contesto festivo. Per il 53,3% degli intervistati, clientela e spesa resteranno sui livelli dell'anno scorso, mentre per uno su tre le cose andranno anche peggio. Soltanto il 13,9% si aspetta un miglioramento dei risultati per la propria attivita'. ''L'indagine del nostro centro studi - ha commentato Lino Enrico Stoppani, presidente Fipe-Confcommercio - indica chiaramente che gli italiani attendono con ansia una ripresa economica che pero' stenta ancora a manifestarsi. L'ottimismo che va diffondendosi deve concretizzarsi in una maggiore capacita' di spesa. Speriamo che questo passaggio arrivi piu' rapidamente possibile, perche' il paese e gli imprenditori non ce la fanno piu' a sopportare il peso di una crisi economica che sembra non finire mai''.

Il saldo tra ristoratori ottimisti e pessimisti sulle aspettative di Pasqua resta negativo, ma passa a -19% dal -49% dell'anno scorso. Non si puo' parlare di buona notizia, ma di leggero ottimismo. I ristoratori restano infatti scettici, tanto che la percentuale di coloro che saranno aperti il giorno di Pasqua scende di tre punti passando dal 97% del 2013 al 94% del 2014.

Trova conferma la formula del menu ''tutto compreso'' scelto dal 68% dei ristoranti ad un prezzo medio di 40 euro, lo stesso di un anno fa. Facendo qualche rapido conto saranno poco meno di 4 milioni i clienti che sceglieranno di consumare il pranzo di Pasqua al ristorante per una spesa complessiva di 160 milioni di euro. Anche a Pasquetta, le aspettative non variano molto. Il 52% dei ristoratori intervistati si aspetta una Pasquetta al livello dell'anno scorso. Per quattro su dieci gli affari andranno peggio e soltanto uno su dieci ritiene che questa pasquetta sara' migliore. Anche in questo caso il saldo tra ottimisti e pessimisti e' negativo (-31%) ma con progressi significativi rispetto ad un anno fa quando il valore fu di -55%.

Aumenta i numero dei ristoranti (due su dieci) che ha deciso di non aprire, complice un lunedi' dell'Angelo che cadendo quest'anno in piena primavera (con condizioni meteo in miglioramento) potrebbe spingere ancor di piu' i potenziali clienti verso la tradizionale scampagnata. A differenza del menu di Pasqua quello di Pasquetta sara' perlopiu' a la carte. Il menu ''tutto compreso'' viene preferito dal 24,8% dei ristoranti ad un prezzo medio di 39 euro. La stima delle presenze al ristorante per Pasquetta e' 2,5 milioni di clienti per una spesa che tocca i 96 milioni di euro.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: strategia Ue premessa solido sviluppo attività
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4