lunedì 05 dicembre | 13:37
pubblicato il 01/apr/2011 05:11

Parmalat/ Sul tavolo cda lettera di Intesa, Unicredit, Mediobanca

In alternativa alla proposta dei francesi di Lactalis

Parmalat/ Sul tavolo cda lettera di Intesa, Unicredit, Mediobanca

Milano, 1 apr. (askanews) - Questa mattina arriverà sul tavolo del cda di Parmalat, convocato in tarda mattinata, una comunicazione di Intesa Sanpaolo in cui si prospetterà una opzione alternativa a quella dei francesi di Lactalis. E' quanto si apprende da fonti vicine al dossier. Anche Unicredit e Mediobanca hanno sottoscritto insieme al gruppo Intesa Sanpaolo la lettera: i tre istituti informano il cda dell'azienda di Collecchio che intendono prestare consulenza nella strutturazione dell'operazione, che sia coerente con il provvedimento deciso ieri dal Consiglio dei ministri. Ieri il governo aveva varato il fondo strategico per le imprese, l'elemento di "novità" per consentire al cda di Parmalat di rinviare l'assemblea degli azionisti a giugno, pur in assenza di un'offerta puntuale della cordata italiana. Alla vigilia del delicato board di Milano, il vero assist è arrivato così dalla politica, dando indirettamente alla Cassa Depositi e Prestiti il via libera per poter rilevare partecipazioni in società strategiche. Il Consiglio dei ministri ha autorizzato infatti il Tesoro ad attivare strumenti di finanziamento e capitalizzazione, analoghi a quelli in essere in altri Paesi europei, mirati ad assumere partecipazioni in società di interesse nazionale rilevante in termini di strategicità del settore e di livelli occupazionali. Parmalat - unica società espressamente citata dal comunicato del Cdm - è inclusa nella casistica. In pratica, con questo via libera il Tesoro dovrebbe essere autorizzato a istituire un fondo, ispirato al modello del francese del Fond strategique d'investissement, partecipato dalla Cdp e dallo Stato, per acquisire quote di imprese private considerate strategiche per il sistema economico italiano. Intanto, Lactalis affina le armi e manda segnali inequivocabili che non intende mollare la presa nè volere uno spezzatino della società. Con un primo comunicato, il gruppo francese ha comunicato di aver esercitato la facoltà di consegna fisica delle azioni sottostanti i contratti di equity swap e di avere quindi una partecipazione effettiva complessiva del 28,97% di Parmalat.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Pil
Pil, Istat: verso stabilizzazione ritmo di crescita dell'economia
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari