domenica 22 gennaio | 01:28
pubblicato il 25/mar/2011 20:15

Parmalat/ Procura apre inchiesta, faro su mosse fondi

Nel decreto anti-scalate possibili nuove liste per cda

Parmalat/ Procura apre inchiesta, faro su mosse fondi

Milano, 25 mar. (askanews) - Scende in campo anche la magistratura nella vicenda Parmalat. Aggiotaggio è il reato che la Procura di Milano ipotizza, per ora a carico di ignoti e l'amministratore delegato, Enrico Bondi, è stato sentito questa mattina come persona informata sui fatti. In particolare, secondo quanto si apprende, il fascicolo è stato aperto dopo che è stato presentato un esposto lo scorso febbraio e l'attenzione della magistratura sarebbe puntata non sul rastrellamento dei titoli Parmalat da parte di Lactalis quanto su una serie di dichiarazioni dirette al mercato che hanno fatto apprezzare le quotazioni, prima della salita dei francesi al 29% in Parmalat. Il faro sarebbe puntato sulle mosse dei tre fondi esteri - Zenit, Skagen e MacKenzie - che lo scorso 26 gennaio hanno annunciato un accordo di coordinamento con l'obiettivo di presentare una propria lista per il rinnovo del cda di Parmalat, che lasciava fuori Bondi. Gli stessi fondi il 2 febbraio smentivano in una nota qualsiasi trattativa con Lactalis sul gruppo di Collecchio, salvo poi tre giorni fa raggiungere un accordo coi francesi e vendere il loro pacchetto del 15,3%, incassando circa 750 milioni. Intanto i giochi per il controllo della società di Parmalat restano aperti. Il decreto anti-scalate straniere che potrebbe far slittare l'assemblea a giugno, dando più tempo per la formazione di una cordata italiana, risulta essere stato firmato dal presidente della Repubblica ma da Collecchio non arriva ancora nessuna indicazione di una convocazione del cda. Una novità importante è stata introdotta nel decreto: se il consiglio di Parmalat deciderà di far slittare l'assemblea annuale degli azionisti si potranno presentare nuove liste per il rinnovo del board, oltre a quelle già depositate. Di fatto si lascia a potenziali nuovi investitori la possibilità di presentare una propria lista o di unirsi a quelle già esistenti. Se una cordata italiana si concretizzerà, si potrà così mettere a punto una nuova lista targata anche Ferrero. Le banche sono al lavoro per tentare di mettere in piedi una soluzione italiana ma tutto è ancora aperto. "Siamo in una fase totalmente interlocutoria", spiega una fonte vicina al dossier.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4