domenica 04 dicembre | 09:37
pubblicato il 06/apr/2011 14:57

Parmalat/ Poletti: Granarolo sia cuore industriale cordata

La liquidità? Usata per fare il suo mestiere

Parmalat/ Poletti: Granarolo sia cuore industriale cordata

Roma, 6 apr. (askanews) - La società Granarolo è pronta ad assumere il ruolo di cuore industriale in una cordata per rilevare Parmalat. Ad affermarlo il presidente di Legacoop, Giuliano Poletti, a margine del 38esimo congresso dell'associazione. Poletti, a chi sostiene che Granarolo non abbia la liquidità necessaria, ha replicato che "Granarolo la liquidità l'ha usata per fare il suo mestiere, per valorizzare il prodotto degli agricoltori italiani". "Noi - ha affermato Poletti - non siamo investitori finanziari, ma imprenditori dell'industria e siamo pronti a stare in un progetto con questo spirito. Siamo pronti ad entrare in un disegno più ampio in questa logica. noi siamo la parte industriale di questa operazione. Se c'è una parte finanziaria disponibile a stare con noi siamo pronti a valutare eventuali progetti". Quanto al decreto anti-scalata varato dal governo in chiave anti-Lactalis, Poletti lo ha definito uno strumento "utile" che offre "una correzione di una situazione di asimmetria. Ci auguriamo - ha aggiunto - che una regolarizzazione da una parte e strumenti dall'altra vengano resi stabili".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari