venerdì 24 febbraio | 22:55
pubblicato il 02/apr/2011 15:28

Parmalat/ Ghizzoni: Scopo è creare alternativa a Lactalis

Vedremo nei prossimi mesi

Parmalat/ Ghizzoni: Scopo è creare alternativa a Lactalis

Cernobbio (Co), 2 apr. (askanews) - Lo scopo del coinvolgimento di UniCredit nel dossier Parmalat è di individuare insieme a Intesa Sanpaolo e Mediobanca una soluzione alternativa a Lactalis. Lo ha detto oggi l'amministratore delegato del gruppo UniCredit, Federico Ghizzoni, in un incontro con la stampa al Workshop Ambrosetti a Cernobbio. "Lo scopo è quello di vedere se riusciamo a creare un'alternativa a Lactalis, vedremo nei prossimi mesi", ha detto Ghizzoni, aggiungendo che il ruolo dell'istitito di piazza Cordusio dovrebbe essere di advisor generale. Alla domanda se UniCredit investirà anche dei soldi in Parmalat, ha replicato: "é troppo presto per parlare, al momento c'è una lettera in cui c'è la disponibilità delle banche a fare gli advisor sul complesso dell'operazione. Poi vedremo come l'operazione volge".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Mediaset
Mediaset, Vivendi: esposto infondato dei Berlusconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech