martedì 28 febbraio | 15:34
pubblicato il 02/set/2014 13:48

Parlamento Ucraina conferma dimissioni ministro Economia

Conflitto nell'Est fa affondare il Pil (ASCA) - Roma, 2 set 2014 - Il Parlamento ucraino ha confermato oggi le dimissioni del minsitro dell'economia Pavlo Cheremeta, che e' finito in conflitto contro il primo ministro Arseny Yatsenyuk proprio mentre Kiev subisce le conseguenze economiche del conflitto in corso nell'Europa dell'est. A votare a favore delle dimissioni sono stati 242 deputati, a fronte di un quorum necessario di 226. Cheremeta, un economista formatosi negli Stati uniti, aveva presentato le dimissioni il 21 agosto, criticando il governo che, a suo dire, cercad i preservare il sistema di corruzione creato dall'ex presidente filorusso Viktor Yanukovich. I media hanno accusato Cheremeta di non aver fatto molto per cercare di dare un po' di sollievo all'economia ucraina, asfissiata dal conflitto in corso. Secondo il Fondo monetario internazionale (Fmi), il Pil ucraino potrebbe crollare quest'anno del 6,5 per cento. (Fonte Afp) Mos

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Brexit
Brexit può costare cara all'Italia sul contibuto al bilancio Ue
Inflazione
L'inflazione accelera, a febbraio all'1,5% ai massimi da 4 anni
Taxi
Taxi, Cgia Mestre: in Italia i costi di gestione più alti dell'Ue
Generali
Generali, Donnet: le prospettive sui conti vanno benissimo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech