lunedì 05 dicembre | 14:22
pubblicato il 12/apr/2016 13:22

Paolo Mauro: l'economia italiana continuerà a crescere lentamente

"Non vedo scenari troppo ottimistici"

Paolo Mauro: l'economia italiana continuerà a crescere lentamente

Washington, (askanews) - Secondo Paolo Mauro, senior fellow al Peterson Institute for International Economics di Washington, l'economia italiana continuerà a crescere lentamente.

"Credo che onestamente l'economia italiana purtroppo continuerà a crescere lentamente, credo che le previsioni siano intorno all'1% o qualcosa in più, e purtroppo non vedo grandi scenari ottimistici oltre quella soglia" ha dichiarato a Washington.

"Sono contento che l'economia abbia ripreso a crescere, però l'Italia è da 20, 30 anni che cresce meno degli altri, e io credo ci siano fattori strutturali molto importanti come la lentezza della giustizia, che non solo ha un effetto diretto, ma anche un effetto in quanto rende poi più difficile la risoluzione di problemi dei debiti nelle banche, quindi ci sono una serie di misure strutturali dove si sono fatti dei progressi negli ultimi anni, ma bisognerà continuare con tanta pazienza".

Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Pil
Pil, Istat: verso stabilizzazione ritmo di crescita dell'economia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari