lunedì 05 dicembre | 17:38
pubblicato il 06/feb/2015 08:41

Padoan, su riforma Banche Popolari non si torna indietro

Aperti a recepire suggerimenti ma senza stravolgere senso riforma

Padoan, su riforma Banche Popolari non si torna indietro

Roma, 6 feb. (askanews) - Nonostante mugugni e critiche, il governo non tornerà indietro sulla riforma delle Banche Popolari. Lo spiega il Ministro dell'economia Pier Carlo Padoan, in una intervista al quotidiano Avvenire.

"Sono 25 anni che si parla di questa riforma e non si è fatto mai niente, anche da parte delle stesse popolari. Era urgente? Sì, perché non ci si è resi conto che, con una velocità impressionante, le istituzioni finanziarie e i mercati stanno cambiando radicalmente", sottolinea il ministro.

" La nostra proposta è per rendere le popolari in grado di reggere meglio alle pressioni future. Quindi stiamo rafforzando il sistema bancario italiano, non lo stiamo indebolendo. Ovviamente siamo aperti a tutti i suggerimentiti migliorativi. L'importante è che i principi fondamentali non siamo messi in discussione, non siano stravolti", sottolinea Padoan.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari