lunedì 23 gennaio | 20:03
pubblicato il 06/mar/2014 12:00

Padoan: priorietà taglio cuneo, subito 5 mld da spending review

Al Sole: No contrapposizione con Renzi. Rispettare il 3%

Padoan: priorietà taglio cuneo, subito 5 mld da spending review

Roma, 6 mar. (askanews) - "Agiremo concentrando le risorse su un intervento forte, le coperture arriveranno dalla spending review con 5 miliardi sul 2014 e con misure transitorie come il rientro dei capitali". Il neo ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan spiega in un'intervista al Sole 24 Ore il suo piano sul cuneo fiscale e la revisione della spesa. Padoan, inoltre, smentisce un dualismo fra lui e il premier Matteo Renzi. "Ogni volta che vedo il presidente del Consiglio ci chiediamo chi metta in giro queste voci. Una contrapposizione farebbe molto male al governo". Secondo Padoan "la priorità assoluta" dell'Italia è la crescita perchè "la ripresa è ancora fragile e va consolidata". Per farlo "servono misure immediate e misure strutturali". Al primo posto per il ministro c'è la questione del cuneo fiscale. "Dobbiamo dare un segnale forte, e io credo, sulla base dell'esperienza, che sarebbe utile concentrare tutto l'intervento in una direzione: o tutto sulle imprese e quindi Irap e oneri sociali, oppure tutto sui lavoratori attraverso l'Irpef". Ma per fare un'operazione di questo tipo "servono tagli strutturali perchè la riduzione del cuneo è strutturale". Tra le diverse ipotesi di copertura Padoan parla anche dei fondi europei che oggi non vengono spesi. Mentre sulle rendite finanziarie richiama alla prudenza. "Ci riserviamo un approfondimento molto serio, dobbiamo essere prudenti su questo". A proposito del monito Ue, il ministro ricorda le parole di Renzi e cioè che 'dobbiamo abbattere il debito non perchè ce lo chiede l'Europa ma per noi e per i nostri figli. "Il richiamo europeo - dice - è un motivo in più per dare forza alla nostra strategia". Tuttavia Padoan richiama al rispetto dei vincoli sul disavanzo. "Siamo da poco usciti dalla procedura di infrazione, non possiamo tornare sopra il 3%". Sul fronte della riduzione del debito pubblico l'ipotesi di trasferire il debito Esfs all'Esm "è un'idea su cui lavorare", riferisce Padoan, aggiungendo che "intanto dobbiamo proseguire e rafforzare il programma di privatizzazioni". Per quanto riguarda lo sblocco dei pagamenti della pubblica amministrazione, Padoan afferma che "il provvedimento è pronto" e sarà approvato "in uno dei prossimi consigli dei ministri". Infine, sui provvedimenti attuativi annuncia una task force per abbattere l'arretrato.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Lavoro
Confindustria: dal 2014 occupazione cresce ma si ferma a metà 2016
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4