sabato 03 dicembre | 03:42
pubblicato il 06/mar/2014 12:00

Padoan: priorietà taglio cuneo, subito 5 mld da spending review

Al Sole: No contrapposizione con Renzi. Rispettare il 3%

Padoan: priorietà taglio cuneo, subito 5 mld da spending review

Roma, 6 mar. (askanews) - "Agiremo concentrando le risorse su un intervento forte, le coperture arriveranno dalla spending review con 5 miliardi sul 2014 e con misure transitorie come il rientro dei capitali". Il neo ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan spiega in un'intervista al Sole 24 Ore il suo piano sul cuneo fiscale e la revisione della spesa. Padoan, inoltre, smentisce un dualismo fra lui e il premier Matteo Renzi. "Ogni volta che vedo il presidente del Consiglio ci chiediamo chi metta in giro queste voci. Una contrapposizione farebbe molto male al governo". Secondo Padoan "la priorità assoluta" dell'Italia è la crescita perchè "la ripresa è ancora fragile e va consolidata". Per farlo "servono misure immediate e misure strutturali". Al primo posto per il ministro c'è la questione del cuneo fiscale. "Dobbiamo dare un segnale forte, e io credo, sulla base dell'esperienza, che sarebbe utile concentrare tutto l'intervento in una direzione: o tutto sulle imprese e quindi Irap e oneri sociali, oppure tutto sui lavoratori attraverso l'Irpef". Ma per fare un'operazione di questo tipo "servono tagli strutturali perchè la riduzione del cuneo è strutturale". Tra le diverse ipotesi di copertura Padoan parla anche dei fondi europei che oggi non vengono spesi. Mentre sulle rendite finanziarie richiama alla prudenza. "Ci riserviamo un approfondimento molto serio, dobbiamo essere prudenti su questo". A proposito del monito Ue, il ministro ricorda le parole di Renzi e cioè che 'dobbiamo abbattere il debito non perchè ce lo chiede l'Europa ma per noi e per i nostri figli. "Il richiamo europeo - dice - è un motivo in più per dare forza alla nostra strategia". Tuttavia Padoan richiama al rispetto dei vincoli sul disavanzo. "Siamo da poco usciti dalla procedura di infrazione, non possiamo tornare sopra il 3%". Sul fronte della riduzione del debito pubblico l'ipotesi di trasferire il debito Esfs all'Esm "è un'idea su cui lavorare", riferisce Padoan, aggiungendo che "intanto dobbiamo proseguire e rafforzare il programma di privatizzazioni". Per quanto riguarda lo sblocco dei pagamenti della pubblica amministrazione, Padoan afferma che "il provvedimento è pronto" e sarà approvato "in uno dei prossimi consigli dei ministri". Infine, sui provvedimenti attuativi annuncia una task force per abbattere l'arretrato.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari