domenica 04 dicembre | 04:48
pubblicato il 11/ott/2014 18:54

Padoan: per crescita riforme legate a politiche di bilancio

Così il ministro dell'Economia da Washington

Padoan: per crescita riforme legate a politiche di bilancio

Washington, 11 ott. (askanews) - "La crescita è particolarmente contenuta e in alcuni casi non c'è nemmeno" nei Paesi dell'Europa. "La ricetta di politica economica si concentra su riforme strutturali e sul loro legame con le politiche di bilancio". Lo ha detto il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, nella conferenza a margine dei lavoro autunnali del Fondo monetario internazionale.

Così come spiegato agli economisti e ai ministri delle Finanze riuniti all'evento autunnale di Washington, Padoan ha detto che "la strategia del governo collega riforme strutturali con politiche di bilancio, che terrà conto dei vincoli di bilancio. La composizione della politica di bilancio, e dunque la prossima legge di stabilità, deve essere improntata alla crescita.

Secondo Padoan, "investimenti sia pubblici che privati sono andati calando in modo significativo e ciò spiega statisticamnete perché la crescita sia stata rivista al ribasso". Per stimolarli, serve "migliore accesso al credito per le imprese, più investimenti pubblici in infrastrutture e la creazione di un clima di fiducia per gli investimenti stessi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari