venerdì 09 dicembre | 06:02
pubblicato il 14/ott/2014 18:58

Padoan: l'aggiustamento strutturale del deficit sarà 0,1% del Pil

Più lenti per crescita minore, ma continuiamo a scendere sotto 3%

Padoan: l'aggiustamento strutturale del deficit sarà 0,1% del Pil

Lussemburgo, 14 ott. (askanews) - Con la Legge di stabilità che sarà approvata dal governo domani e poi trasmessa a Bruxelles, l'aggiustamento strutturale del deficit sarà pari allo 0,1% Pil. Lo ha confermato, replicando semplicemente "sì" alla domanda di una cronista, il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, al termine del Consiglio dei ministri delle Finanze dell'Ue (Ecofin), oggi a Lussemburgo. "A domanda precisa, risposta precisa", ha aggiunto il ministro, che poco prima aveva ricordato come comunque il Documento di economia e finanza (Def) aggiornato "va nella direzione giusta", ossia verso l'obiettivo del pareggio strutturale di bilancio, anche se "a un ritmo più lento (la Commissione chiedeva una riduzione del deficit strutturale dello 0,7%, ndr), ma accelerando sulle riforme". Il ritardo, rispetto a quanto si prevedeva all'inizio dell'anno è stato dovuto al fatto che "le previsioni di crescita per il 2015 erano dell'1,1% superiori" rispetto a quanto poi effettivamente verificatosi; "il contesto macroeconomico - ha osservato - si è altamente deteriorato". Padoan ha negato informazioni più precise sull'entità della manovra, dopo che il premier Matteo Renzi ha parlato di 30 miliardi di euro. "Il presidente del Consiglio - ha detto - ha presentato alcune componenti aggregate di una Legge di Stabilità che deve ancora essere finalizzata". C'è il rischio che Bruxelles chieda una correzione? "E' presto - ha risposto Padoan - per dire che bisogna correggere qualcosa che non è ancora finalizzato". Comunque, ha aggiunto, "andremo avanti con le riforme strutturali e con un consolidamento di bilancio favorevole alla crescita, nel rispetto del vincolo Ue del deficit/Pil al 3%, e taglieremo il deficit anche di più". "Sono fiducioso - ha continuato Padoan, rispondendo a chi gli chiedeva se non tema una bocciatura della manivra da Bruxelles -, perché il nostro rapporto con l'Ue è molto costruttivo, e questo è stato confermato negli incontri qui a Lussemburgo. Siamo in regola con i vincoli europei e usiamo la flessibilità nelle regole. Avremo come al solito - ha concluso -un dialogo aperto con la Commissione". Loc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni