sabato 03 dicembre | 21:17
pubblicato il 25/mag/2016 16:55

Padoan: debito pubblico Italia si è fermato, ora scenderà rapido

Mancato calo quest'anno dipende da inflazione più bassa di attese

Padoan: debito pubblico Italia si è fermato, ora scenderà rapido

Bruxelles, 25 mag. (askanews) - Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan ha ribadito oggi a Bruxelles che la mancata riduzione del debito pubblico italiano nel 2016 è dovuta al recente ulteriore rallentamento dell'inflazione nel Paese, che ha inciso sul denominatore del rapporto debito/Pil; ma, ha sottolineato il ministro, il debito si è comunque fermato e ora comincerà a "scendere rapidamente.

"Rispetto a qualche mese fa - ha spiegato il ministro rispondendo a una domanda durante la sua conferenza stampa a margine dell'Ecofin oggi a Bruxelles - l'inflazione in Italia si è rivelata molto più bassa di quella attesa, e dunque la crescita nominale (del Pil, ndr) è stata più bassa. Ed è la crescita nominale, non quella reale, che incide sulla diminuzione del debito"

"Detto questo - ha proseguito Padoan - noi continuiamo a prevedere per il 2016 un inizio di discesa del debito; e questo dipende da una diversa valutazione che noi facciamo in tema di privatizzazioni, rispetto a quella delle istituzioni internazionali (inclusa la Commissione Ue, ndr). Intanto, e questo è riconosciuto da tutti, il debito si è stabilizzato, cioè ha smesso di crescere, e non potrà stare fermo per molto tempo, dovrà cominciare a scendere e scenderà - ha sottolineato - molto rapidamente".

Durante la riunione dei ministri finanziari, ha poi riferito Padoan, non c'è stata una discussione sulle decisioni prese dalla Commissione europea mercoledì scorso riguardo ai bilanci degli Stati membri e alle raccomandazioni specifiche per paese, perché "se ne parlerà in modo dettagliato alla prossima riunione in giugno a Lussemburgo". Per il ministro dell'Economia, comunque, "la novità più importante" è che "non c'è stata una discussione specifica sull'Italia" e sulla flessibilità che le è stata concessa, mentre sono stati nominati "altri paesi", presumibilmente Spagna e Portogallo, che hanno ottenuto un anno in più per conseguire gli obiettivi di riduzione del defict che avrebbero dovuto raggiungere quest'anno.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari