domenica 04 dicembre | 12:01
pubblicato il 09/gen/2014 18:08

P.A.: Ugl, da rinnovo contratto nuove garanzie per dipendenti pubblici

(ASCA) - Roma, 9 gen 2014 - ''Cio' che serve davvero ai dipendenti pubblici e' non perdere, in nome della spending review, le ormai poche garanzie rimaste e quantomeno la sicurezza che i governi di turno rispettino almeno cio' che e' gia' stato firmato''.

Lo dichiara in una nota il responsabile del Dipartimento Pubblico Impiego dell'Ugl, Augusto Ghinelli, auspicando che il confronto per il rinnovo del contratto nel pubblico impiego ''avvenga in tempi e modi tali da permettere a tutte le parti interessate di esaminarlo e condividerlo nella sua interezza, sia per la parte giuridica sia per quella economica''. Per il sindacalista ''bisognera' dotare il nuovo contratto di strumenti che impediscano a chiunque di poterlo modificare o bloccare a proprio piacimento, in tutto l'arco temporale della sua vigenza. Questa si' - aggiunge - che sarebbe una vera garanzia per i lavoratori della Pubblica Amministrazione''. ''Dopo cinque anni dal blocco del Ccnl - conclude Ghinelli - e' doveroso ridare ai dipendenti pubblici cio' che spetta loro di diritto, in particolare uno stipendio con un potere d'acquisto adeguato ai costi della vita, che oggi non sono piu' quelli dell'ormai lontano anno 2009''.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari