martedì 06 dicembre | 11:57
pubblicato il 10/apr/2013 10:34

P.A.: Squinzi, da governo ci aspettavamo piu' coraggio

(ASCA) - Rho-Pero, 10 apr - Confindustria si aspettava ''piu' coraggio'' dal governo Monti in particolare per quanto riguarda il decreto che sblocca il pagamento dei crediti vantati dalle imprese nei confronti della Pubblica amministrazione. Lo ha sottolineato lo stesso presidente Giorgio Squinzi, che durante la visita al Salone internazionale del mobile in corso al polo fieristico di Rho-Pero, non ha mancato di esprimere le perplessita' del mondo dell'industria nei confronti dell'ultima mossa del governo dei professori. Il decreto, ha detto, ''non e' quello che ci aspettavamo. Ci aspettavamo un pochino piu' di coraggio''. Senza interventi migliorativi sul decreto, ha puntualizzato ancora il presidente di Confindustria, ''il Paese continuera' ad essere in grande difficolta'''.

fcz/cam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
L.Bilancio
L.Bilancio, Dijsselbloem: ora impossibile chiedere misure extra
Governo
Governo, Cgil: elezioni anticipate pericolosa fuga in avanti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Ecco la gastro-diplomazia: mangiare bene aiuta a conquistare mondo
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari