martedì 21 febbraio | 01:31
pubblicato il 04/apr/2013 13:06

P.A.: Rehn, con Dl Italia puo' uscire da procedura deficit eccessivo

(ASCA) - Bruxelles, 4 apr - Bene fa l'Italia a lavorare a un decreto che imponga alla pubblica amministrazione di pagare i debiti contratti con le imprese. In questo modo il nostro paese potra' tornare con i conti in ordine e uscire dal mirino dell'Unione europea. Lo afferma il commissario europeo per gli Affari economici e monetari, Olli Rehn, dopo il colloquio con il presidente del Consiglio, Mario Monti, sul decreto allo studio dell'esecutivo. ''Sosteniamo in pieno la riduzione in tempi rapidi del debito commerciale che sta pesando sulle imprese italiane'', il commento di Rehn. Un pagamento, aggiunge, potrebbe assicurare ''l'uscita dell'Italia dalla procedura per deficit eccessivo''. Rehn si dice ''fiducioso'' circa la capacita' delle autorita' italiane di gestire il caso ''in modo urgente e conforme'' alle normative comunitarie. Come spiega, ''e' importante pagare, ma e' anche importante rispettare le regole esistenti di soglia del deficit''.

bne/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia