domenica 04 dicembre | 09:41
pubblicato il 09/mar/2012 09:20

Pa/ Gambino:Per svecchiare burocrazia dirigenza a passo con tempi

Digitale per assistenza medica universale e trasparenza pa

Pa/ Gambino:Per svecchiare burocrazia dirigenza a passo con tempi

Roma, 9 mar. (askanews) - "Non bastano cabine di regia istituzionali e parole magiche come 'agenda digitale' per rilanciare amministrazioni dello Sato davvero al passo con il progresso tecnologico: occorre che alla guida di questi processi si pongano i veri protagonisti della rivoluzione informatica di quest'ultimo decennio, a cominciare dai creatori delle piattaforme tecnologiche che oggi fanno dialogare miliardi di persone online". Lo ha detto stamane il prof. Alberto Gambino, presentando la nuova edizione del manuale di diritto dell'informatica e della comunicazione, in un confronto con esponenti di Governo, authorities ed esperti dell'Information Technology, tra cui Massimo Vari, sottosegretario alle telecomunicazioni, Roberto Viola, Segretario generale Agcom, Francesco Beltrame, presidente di DigitPA, Davide Giacalone, presidente dell'Agenzia per l'Innovazione. Nell'incontro si è affrontato il tema dei nuovi servizi e contenuti digitali tra semplificazione amministrativa, diffusione della conoscenza e diritti individuali, facendo il punto sul recepimento degli impegni dell'Agenda Digitale europea ed italiana e sulle criticità incontrate all'interno delle istituzioni nel processo di semplificazione amministrativa e sui risultati che si intendono ottenere. "In Italia - ha ricordato Gambino - con il Decreto Semplificazioni è stata istituita la Cabina di Regia per l'Agenda Digitale cui partecipano vari ministri; ma questo ennesimo "tavolo" risulterà sterile se non ci si metterà subito nel solco dell'orizzonte tracciato pochi mesi fa dal commissario europeo all'Agenda digitale Neelie Kroes, che ha ricordato, in occasione del Digital Agenda Summit, che per uscire dalla crisi economica una delle ricette più credibili ed efficaci è l'investimento in ICT, in quanto i Paesi europei leader per produttività, sono gli stessi che più hanno investito nel settore delle tecnologie digitali". "In questo contesto - ha aggiunto il prof. Gambino - due appaiono davvero gli obiettivi più urgenti: implementare l'amministrazione pubblica online, con l'obiettivo europeo di garantire entro il 2015 il ricorso all'e-Government ad almeno il 50% della popolazione ed incrementare la diffusione delle tecnologie connesse alla sanità online per migliorare la qualità dell'assistenza medica, ridurre i costi e favorire la dignità e l'autonomia delle persone, in particolare nelle aree rurali e più isolate".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari