venerdì 20 gennaio | 01:30
pubblicato il 15/feb/2014 13:20

P.A: Confindustria, meno burocrazia per rilancio crescita

P.A: Confindustria, meno burocrazia per rilancio crescita

(ASCA) - Roma, 15 fen 2014 - Un aumento dell'efficienza della PA dell'1% genera un incremento del Pil dello 0,9%. Lo rileva il Centro Studi di Confindustria in un rapporto dal titolo ''Italia: meno burocrazia per rilanciare la crescita'' ed evidenziando come l'Italia e' sistematicamente in posizioni arretrate nelle classifiche internazionali sul contesto amministrativo in cui operano le imprese. Cio' riduce gli investimenti, non solo dall'estero, e la capacita' del Paese di crescere. Una P.A. piu' efficiente ha invece rilevanti effetti positivi sulla crescita dell'Italia. Una riduzione dell'1% dell'inefficienza della P.A. (misurata dalla difficolta' a raggiungerne gli uffici) e' associata a un incremento dello 0,9% del livello del Pil pro-capite e ad un aumento dello 0,2% della quota dei dipendenti in imprese a partecipazione estera sul totale dell'occupazione privata non-agricola. Occorre quindi per Confindustria sciogliere i nodi della burocrazia: troppe e complesse regole, tempi di risposta lunghi e incerti, costi insostenibili della macchina pubblica, anche della politica, imbrigliano lo sviluppo, soprattutto delle aziende piu' dinamiche. Ancora, 'si puo' risparmiare fino a 1 miliardo tagliando i costi della Camera; in Italia la spesa per ciascun deputato e' 9,8 volte il Pil pro-capite, contro 6,6 nel Regno Unito''.

Anche per la Banca Mondiale l'Italia rimane negli anni nella parte bassa della classifica, evidenziando forti resistenze al cambiamento. Quali sono le maggiori criticita'? Il pesante carico fiscale, il difficile accesso al credito, l'inefficienza della burocrazia, l'incerta applicazione delle norme sul mercato del lavoro, gli elevati livelli di corruzione e la percepita mancanza di autonomia del sistema giudiziario sono i fattori che rendono poco attrattivo il Paese. La Banca Mondiale sottolinea che l'alta pressione fiscale sulle imprese e il peso delle procedure burocratiche sono le urgenze maggiori che il Paese deve risolvere. red-gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale