lunedì 05 dicembre | 16:02
pubblicato il 12/giu/2014 18:05

P.A.: Cisl, profondamente delusi da incontro con Madia

(ASCA) - Roma, 12 giu 2014 - ''Una riforma della pubblica amministrazione che la renda piu' moderna, ne accresca l'efficacia, ne migliori l'efficienza: obiettivi che sentiamo nostri, convinti che un buon funzionamento della macchina pubblica sia essenziale per la ripresa della crescita e dello sviluppo dell'intero Paese. Per questo ci attendevamo che l'incontro di palazzo Vidoni segnasse l'avvio di una fase di proficuo dialogo, su obiettivi condivisi di innovazione e qualificazione dei servizi cui far corrispondere una forte valorizzazione del lavoro pubblico. Ne usciamo invece profondamente delusi per ragioni di merito e di metodo''. Lo afferma, in una nota, Francesco Scrima, coordinatore CISL Lavoro Pubblico, dopo l'incontro con il ministro della P.A., Marianna Madia.

Nel merito - spiega Scrima - ''le proposte del governo restano assolutamente vaghe, da parte della ministra Madia e' stato fatto solo un sommario riepilogo di quanto emerso dalla consultazione via e-mail, nessun riferimento puntuale ai contenuti dei provvedimenti che il governo e' in procinto di varare. Nel metodo: nessuna conferma alle voci di presunte 'aperture' del governo per il rinnovo dei contratti, di cui pertanto al momento non si parla, e piu' in generale un atteggiamento che sembra ridurre il confronto a mera e sbrigativa informazione, senza alcuna possibilita' di esame e discussione approfondita delle questioni. Quasi si trattasse di un'inutile perdita di tempo''. ''Chi ci conosce - aggiunge il sindacalista -, sa che per noi il confronto sindacale non e' mai stato un freno al cambiamento. Ai tavoli di discussione siamo sempre andati con proposte puntuali, concrete, serie, con grande apertura al dialogo e pronti ad assumerci la responsabilita' delle scelte necessarie a realizzare impegnativi processi di innovazione.

Su una riforma di cosi' grande portata, il coinvolgimento di chi deve attuarla e' indispensabile e ci auguriamo che non si ritenga a tal fine sufficiente un semplice scambio epistolare. Sono milioni di lavoratori a dare volto e vita alla pubblica amministrazione, noi ne rappresentiamo una parte non trascurabile, vogliamo renderli protagonisti di un cambiamento di cui il loro lavoro e' fattore decisivo, che merita di essere piu' adeguatamente riconosciuto e valorizzato''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari