martedì 28 febbraio | 07:31
pubblicato il 30/apr/2014 20:13

P.A.: Cida, no a tetti e si' a misurare performance dirigenti

(ASCA) - Roma, 30 apr 2014 - ''Le misure annunciate dal Governo per la riforma della Pubblica Amministrazione contengono novita' interessanti e una grave contraddizione''.

E' questo il giudizio di Silvestre Bertolini, presidente di CIDA - Manager e Alte Professionalita' per l'Italia, il soggetto che rappresenta unitariamente a livello istituzionale dirigenti, quadri e alte professionalita' del pubblico e del privato sulle riforme discusse oggi dal Consiglio dei Ministri.

''Le novita' interessanti riguardano l'introduzione di meccanismi di retribuzione variabile che tengano conto delle performances'' precisa Bertolini. ''Da sempre la CIDA sostiene che il dirigente vada retribuito sulla base del merito e non dei criteri clientelari o peggio, di appartenenze politiche. Questi criteri devono essere oggettivi, preventivamente concordati e verificabili dallo stesso dirigente. C'e' da osservare tuttavia che per alcune categorie riferite alle alte professionalita' si dovra' tener conto di particolari peculiarita'. Ad esempio, nel caso dei medici, la retribuzione variabile deve essere correlata ai successi ottenuti in campo clinico e non legata alla diminuzione dei costi di gestione che invece dovra' essere oggetto di valutazione del manager dell'Unita' Sanitaria Locale''.

Per il presidente CIDA ''un altro aspetto interessante e' sicuramente l'intenzione di introdurre la staffetta generazionale, consentendo l'uscita dei lavoratori piu' anziani a favore dei piu' giovani. Anche questo rientra tra le misure proposte dalla CIDA. Per noi, sarebbe utile affiancare, in qualita' di tutor, il manager anziano al piu' giovane per un determinato periodo al fine di non disperdere un patrimonio di conoscenze e assicurando la continuita' del lavoro''.

''Altro elemento che ci vede favorevoli'' prosegue Bertolini ''sono le misure di flessibilita' del pensionamento. E' chiaro che le proposte del Governo andranno valutate con attenzione ma il principio e' sicuramente condivisibile e, anzi, andrebbe esteso anche al settore privato per garantire a tutti i lavoratori di scegliere liberamente il momento in cui andare in quiescenza, senza compromettere gli equilibri di bilancio della Previdenza''.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech