sabato 03 dicembre | 16:50
pubblicato il 28/apr/2014 12:11

P.A.: Cgil, grave se Governo varasse riforma senza alcun confronto

(ASCA) - Roma, 28 apr 2014 - ''Sarebbe grave se il Governo si apprestasse a varare una sconosciuta riforma della pubblica amministrazione entro aprile senza alcun confronto con le organizzazioni dei lavoratori e solo sulla base di slogan che fanno riferimento a 'ruspe', 'riduzione delle retribuzioni', 'esuberi', 'mobilita' obbligatoria' e altro ancora''. Cosi' il responsabile dei Settori pubblici della Cgil Nazionale, Michele Gentile, in merito alle indiscrezioni sulla riforma della Pa promossa dal ministro Marianna Madia. Il dirigente sindacale sottolinea infatti come ''quotidianamente si leggono oramai delle intenzioni del Governo di riformare la Pa entro fine mese: non abbiamo ad oggi il piacere di conoscere cosa ci sara' in quella riforma ma gia' questa voluta mancanza di confronto rischia di segnare la qualita' della riforma, superando in questa attivita' quanto fece l'ex ministro Brunetta''. Nel merito, osserva Gentile, ''sarebbe grave non porsi il problema di cancellare i disastri che la legge Brunetta ha provocato nella Pa, ovvero: cinque anni senza contratto per un taglio nella busta paga dei dipendenti pari a 7 miliardi, con in piu' la previsione, alla luce del Def e dei comunicati del Ministero dell'Economia, di ulteriori blocchi contrattuali fino al 2020; circa 250 mila dipendenti in meno dal 2008 mentre all'incirca 300 mila precari rischiano dopo il 2016 di non avere piu' un luogo di lavoro, sia pure a tempo determinato; tagli di spesa al funzionamento delle Pa; delegittimazione e limitazione della contrattazione, con l'unilateralita' eretta a sistema; mobilita' gia' oggi obbligatoria per i dipendenti pubblici mentre si continuano a invocare nuove e sconosciute norme insieme a 'ricambi generazionali'''. Si tratta, secondo il sindacalista della Cgil, ''di atti politici che rischiano di perpetuarsi e che si ripercuotono sul funzionamento delle pubbliche amministrazioni e sulle condizioni di lavoro di coloro che lavorano negli appalti, nei servizi e nella produzione di beni. La costante dal 2008 e' l'assoluta assenza di confronto e di dialogo sociale, come se parlare e confrontarsi con il sindacato fosse 'peste'. O forse si sfugge ad un confronto che certo non puo' essere a base di spot, ma che invece e' fatto di cose concrete e di riforme possibili? Come non pensare che anche tutte queste questioni, oltre ad una subordinazione dell'amministrazione pubblica alla politica, siano alla base delle cose che non funzionano? La riforma della Pa e' sicuramente di 'sinistra' se per riforma si intende nuova qualita', efficacia, diritti dei fruitori e dei lavoratori, il tutto insieme alla ripresa di un dialogo sociale che su questi temi continua a mancare dal 2008. In caso contrario non puo' certo esserlo'', conclude Gentile.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari