martedì 28 febbraio | 09:35
pubblicato il 22/feb/2014 11:14

P.A.: Cgia, quella italiana e' la meno efficiente d'Europa

P.A.: Cgia, quella italiana e' la meno efficiente d'Europa

(ASCA) - Roma, 22 feb 2014 - Nei rapporti con le imprese la nostra Pubblica amministrazione e' la meno efficiente tra i 17 Paesi dell'area dell'euro. Solo Grecia e Malta ottengono un risultato peggiore del nostro: tutti gli altri Stati garantiscono dei servizi alle proprie imprese nettamente superiori a quelli offerti dalla nostra P.A. A dirlo e' l'Ufficio studi della Cgia che ha analizzato una dozzina di indicatori capaci di permettere di stilare una classifica generale che consente di capire quali sono gli Stati europei dove e' piu' semplice fare impresa. A salire sul gradino piu' alto del podio e' la Finlandia: seguono l'Irlanda e la Germania. L'Italia, invece, si colloca al 15* posto a livello Ue, mentre nella graduatoria mondiale ci posizioniamo al 65* posto.

Dalla Cgia ricordano che a causa del cattivo funzionamento della nostra macchina pubblica e per l'eccessivo peso della burocrazia, l'Italia e' in coda alla classifica europea per quanto riguarda gli Ide, ovvero, gli investimenti diretti esteri. Solo la Grecia presenta un' ''attrattivita''' inferiore alla nostra. Cio' vuol dire che gli investitori stranieri non vengono da noi perche', ad esempio, la giustizia funziona poco e male, perche' il deficit infrastrutturale e' drammatico, perche' la presenza in alcune aree del Paese della criminalita' organizzata ha toccato livelli preoccupanti, ma soprattutto perche' i tempi di pagamento della nostra P.A. sono i peggiori d'Europa.

Per il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi, ''al sistema delle piccole e medie imprese, che costituisce il 99,9% del totale delle aziende presenti in Italia, la burocrazia costa, in termini assoluti, quasi 31 miliardi di euro all'anno''. ''Per ciascuna di queste Pmi - prosegue Bortolussi - si stima che il peso economico medio sia pari a circa 7.000 euro. Tali costi penalizzano di piu' le piccolissime imprese rispetto alle aziende di dimensioni maggiori. Ricordo, ad esempio, che il 74% degli artigiani e dei commercianti lavora da solo: pertanto, la gestione degli adempimenti burocratici viene svolta direttamente dal piccolo imprenditore, che, in alternativa, si deve rivolgere ad un libero professionista o ad una Associazione. Sia chiaro, parte della burocrazia e' ineliminabile, utile ed indispensabile, tuttavia e' necessario avviare una riforma della nostra Pubblica amministrazione per renderla piu' snella, piu' efficiente e meno costosa''.

red-gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech