sabato 21 gennaio | 07:12
pubblicato il 22/feb/2014 11:14

P.A.: Cgia, quella italiana e' la meno efficiente d'Europa

P.A.: Cgia, quella italiana e' la meno efficiente d'Europa

(ASCA) - Roma, 22 feb 2014 - Nei rapporti con le imprese la nostra Pubblica amministrazione e' la meno efficiente tra i 17 Paesi dell'area dell'euro. Solo Grecia e Malta ottengono un risultato peggiore del nostro: tutti gli altri Stati garantiscono dei servizi alle proprie imprese nettamente superiori a quelli offerti dalla nostra P.A. A dirlo e' l'Ufficio studi della Cgia che ha analizzato una dozzina di indicatori capaci di permettere di stilare una classifica generale che consente di capire quali sono gli Stati europei dove e' piu' semplice fare impresa. A salire sul gradino piu' alto del podio e' la Finlandia: seguono l'Irlanda e la Germania. L'Italia, invece, si colloca al 15* posto a livello Ue, mentre nella graduatoria mondiale ci posizioniamo al 65* posto.

Dalla Cgia ricordano che a causa del cattivo funzionamento della nostra macchina pubblica e per l'eccessivo peso della burocrazia, l'Italia e' in coda alla classifica europea per quanto riguarda gli Ide, ovvero, gli investimenti diretti esteri. Solo la Grecia presenta un' ''attrattivita''' inferiore alla nostra. Cio' vuol dire che gli investitori stranieri non vengono da noi perche', ad esempio, la giustizia funziona poco e male, perche' il deficit infrastrutturale e' drammatico, perche' la presenza in alcune aree del Paese della criminalita' organizzata ha toccato livelli preoccupanti, ma soprattutto perche' i tempi di pagamento della nostra P.A. sono i peggiori d'Europa.

Per il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi, ''al sistema delle piccole e medie imprese, che costituisce il 99,9% del totale delle aziende presenti in Italia, la burocrazia costa, in termini assoluti, quasi 31 miliardi di euro all'anno''. ''Per ciascuna di queste Pmi - prosegue Bortolussi - si stima che il peso economico medio sia pari a circa 7.000 euro. Tali costi penalizzano di piu' le piccolissime imprese rispetto alle aziende di dimensioni maggiori. Ricordo, ad esempio, che il 74% degli artigiani e dei commercianti lavora da solo: pertanto, la gestione degli adempimenti burocratici viene svolta direttamente dal piccolo imprenditore, che, in alternativa, si deve rivolgere ad un libero professionista o ad una Associazione. Sia chiaro, parte della burocrazia e' ineliminabile, utile ed indispensabile, tuttavia e' necessario avviare una riforma della nostra Pubblica amministrazione per renderla piu' snella, piu' efficiente e meno costosa''.

red-gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4