lunedì 05 dicembre | 14:15
pubblicato il 18/lug/2013 16:38

P.A.: approvata proroga precari, sindacati chiedono nuovo confronto

(ASCA) - Roma, 18 lug - ''La proroga dei contratti a tempo determinato e' un passo importante, ma ora serve un confronto urgente sulle tante questioni aperte nel pubblico impiego. A partire da gestione del personale, relazioni sindacali e contratti''. Cosi' Rossana Dettori, Giovanni Faverin, Giovanni Torluccio e Benedetto Attili - segretari generali di Fp-Cgil, Cisl-Fp, Uil-Fpl e Uil-Pa - commentano in una nota l'approvazione definitiva da parte del Senato della legge di riconversione del decreto che prevede la proroga al 31 dicembre 2013 degli incarichi dei precari a tempo determinato. I sindacati chiedono, pero', al governo un passo in avanti, anzi piu' di uno.

Le quattro federazioni del pubblico impiego hanno, infatti, scritto al ministro Gianpiero D'Alia per sollecitare la riapertura del tavolo con il Dipartimento della Funzione pubblica e la ripresa degli accordi del maggio 2012: ''Sui lavori flessibili bisogna superare l'emergenza attraverso una regolamentazione complessiva, sia legislativa che contrattuale, che riguardi le diverse tipologie di contratto e che tenga conto delle specificita' dei comparti'', rilanciano i sindacalisti. In primo luogo, spiegano, la gestione del personale e in particolare i lavoratori in soprannumero o a rischio esubero: ''La legge sulla spending review ha previsto l'esame congiunto. E' necessario aggiornare rapidamente la normativa sia per chiarire i casi in cui la soluzione delle crisi finanziarie delle amministrazioni possano essere affrontate dichiarando gli esuberi, sia per perfezionare i meccanismi di mobilita' e riqualificazione''.

Cosi' come, rimarcano i quattro segretari generali, e' indispensabile intervenire sul sistema delle relazioni sindacali: ''L'atto di indirizzo all'Aran va profondamente rivisto. Per riorganizzare davvero la pubblica amministrazione occorre piu' trasparenza - nella gestione, nei bilanci, nella disponibilita' dei dati - e piu' partecipazione da parte dei lavoratori''.

Infine la questione contrattuale: ''Il blocco del contratto nazionale va superato e va definito un percorso per un rinnovo contrattuale cui i lavoratori pubblici hanno diritto, sia per la parte normativa che per quella economica.

E' necessario consentire il recupero del potere d'acquisto delle retribuzioni dei lavoratori pubblici, fortemente eroso dall'inflazione registrata e dai blocchi retributivi reiterati''. red-fch/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Pil
Pil, Istat: verso stabilizzazione ritmo di crescita dell'economia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari