lunedì 27 febbraio | 18:18
pubblicato il 13/giu/2016 16:13

Ospedalità privata, Faroni (Aiop): guardare altri modelli welfare

Il punto della presidente delle strutture associate nel Lazio

Ospedalità privata, Faroni (Aiop): guardare altri modelli welfare

Roma, (askanews) - Il punto sull'ospedalità privata e su un nuovo welfare sanitario negli studi di askanews con la dottoressa Jessica Veronica Faroni, presidente di Aiop Lazio. Aiop è la principale associazione dell'ospedalità privata in Italia (oltre 500 strutture associate) e il Lazio, con 120 strutture, è l'associazione Aiop territoriale più estesa.

"C'è grande confusione - dice Jessica Faroni -. La realtà è che l'ospedalità privata fa parte del servizio sanitario nazionale, composta quindi da una parte privata e da una parte alla quale il paziente accede in maniera convenzionata con impegnativa. Il tutto per dare una cosa che è comune a pubblico e privato e che è la salute del paziente".

E quali possono essere gli scenari, in sanità, di un nuovo welfare aziendale e sanitario?

"Siamo stati tra i primi a firmare un nuovo contratto di lavoro per le RSA, che sono le residenze per anziani, dove il lavoratore ha una copertuta assicurativa di tipo sanitario pagata dal datore di lavoro - aggiunge la presidente di Aiop Lazio -. Per quanto riguarda i fondi assicurativi, c'è invece ancora un problema di interfaccia tra il paziente, le assicurazioni, il fondo e l'ospedale, sia esso pubblico o privato. Andrebbe ricomposto il puzzle, cercando di dare un servizio a 360 gradi".

Esempi di sanità privata pienamente inseriti in una nuova visione di welfare in Europa?

"Certamente la Spagna - prosegue Faroni - dove ci sono piccoli ospedali che riescono a coprire tutta quella parte della popolazione che accede non nella grande città. Noi invece con un decreto, il decreto Balduzzi, fatto anni fa su dati che risalgono al 1998, stiamo per chiudere le piccole cliniche private che a volte sono l'unica risorsa sul territorio per il paziente".

Quale messaggio quindi lancia Aiop?

"Innanzitutto guardare il mondo, partendo da ciò che succede in Italia e capire che, in un momento di crisi dove i soldi sono certo pochi, parlare di sistema universalistico significa non avere come riferimento il sistema di una volta, la sanità non può più avere accesso per tutti con l'impegnativa. Ci vuole una collaborazione con le assicurazioni, è necessario un tavolo che veda protagoniste tutte le realtà che possono dare un servizio".

Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech