lunedì 05 dicembre | 14:21
pubblicato il 13/giu/2016 16:13

Ospedalità privata, Faroni (Aiop): guardare altri modelli welfare

Il punto della presidente delle strutture associate nel Lazio

Ospedalità privata, Faroni (Aiop): guardare altri modelli welfare

Roma, (askanews) - Il punto sull'ospedalità privata e su un nuovo welfare sanitario negli studi di askanews con la dottoressa Jessica Veronica Faroni, presidente di Aiop Lazio. Aiop è la principale associazione dell'ospedalità privata in Italia (oltre 500 strutture associate) e il Lazio, con 120 strutture, è l'associazione Aiop territoriale più estesa.

"C'è grande confusione - dice Jessica Faroni -. La realtà è che l'ospedalità privata fa parte del servizio sanitario nazionale, composta quindi da una parte privata e da una parte alla quale il paziente accede in maniera convenzionata con impegnativa. Il tutto per dare una cosa che è comune a pubblico e privato e che è la salute del paziente".

E quali possono essere gli scenari, in sanità, di un nuovo welfare aziendale e sanitario?

"Siamo stati tra i primi a firmare un nuovo contratto di lavoro per le RSA, che sono le residenze per anziani, dove il lavoratore ha una copertuta assicurativa di tipo sanitario pagata dal datore di lavoro - aggiunge la presidente di Aiop Lazio -. Per quanto riguarda i fondi assicurativi, c'è invece ancora un problema di interfaccia tra il paziente, le assicurazioni, il fondo e l'ospedale, sia esso pubblico o privato. Andrebbe ricomposto il puzzle, cercando di dare un servizio a 360 gradi".

Esempi di sanità privata pienamente inseriti in una nuova visione di welfare in Europa?

"Certamente la Spagna - prosegue Faroni - dove ci sono piccoli ospedali che riescono a coprire tutta quella parte della popolazione che accede non nella grande città. Noi invece con un decreto, il decreto Balduzzi, fatto anni fa su dati che risalgono al 1998, stiamo per chiudere le piccole cliniche private che a volte sono l'unica risorsa sul territorio per il paziente".

Quale messaggio quindi lancia Aiop?

"Innanzitutto guardare il mondo, partendo da ciò che succede in Italia e capire che, in un momento di crisi dove i soldi sono certo pochi, parlare di sistema universalistico significa non avere come riferimento il sistema di una volta, la sanità non può più avere accesso per tutti con l'impegnativa. Ci vuole una collaborazione con le assicurazioni, è necessario un tavolo che veda protagoniste tutte le realtà che possono dare un servizio".

Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Pil
Pil, Istat: verso stabilizzazione ritmo di crescita dell'economia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari