giovedì 19 gennaio | 18:09
pubblicato il 08/set/2016 12:00

Osce, superindice luglio in lieve calo, Italia maglia nera -0,22%

Invece sulla Gran Bretagna +0,04% nonostante voto Brexit

Osce, superindice luglio in lieve calo, Italia maglia nera -0,22%

Roma, 8 set. (askanews) - Nuova lieve flessione del superindice previsionale sulla crescita economica dell'Ocse, che a luglio sull'Italia ha invece accusato un calo più marcato, il più pesante tra i Paesi monitorati. Con un comunicato, l'ente parigino parla di "un rallentamento dello slancio più grave" nella Penisola.

Il generale il Composite leading indicators (Clis) per l'intera area Ocse ha segnato un meno 0,04 per cento a luglio rispetto al mese precedente e un meno 0,47 per cento su base annua. Sull'Italia ha accusato un meno 0,22 per cento e un meno 0,54 per cento su base annua. Significativo anche il calo sulla Francia, meno 0,11 per cento su base mensile a fronte di un più 0,03 per cento nel confronto annuo. Sulla Germania il Clis ha mostrato un marginale meno 0,02 per cento mensile e un meno 0,32 per cento su base annua. Mentre sulla media dell'area euro il calo è stato dello 0,08 per cento su base mensile e dello 0,30 per cento nel confronto annuo.

L'Ocse ricorda di aver sospeso per due mesi la pubblicazione dei dati di questo indicatore - che punta a anticipare le fasi di svolta, positive o negative, dell'economia - in modo da fotografare meglio le ricadute del referendum sulla Brexit in Gb e negli altri Paesi. E ora rileva che "sebbene permanga incertezza sulla natura dell'accordo che il Regno Unito potrebbe raggiungere con l'Ue, la volatilità che era emersa nelle settimane immediatamente successive al voto sembra essersi ridotta".

Il superindice per il Regno Unito ha peraltro registrato un lieve incremento mensile su luglio, un più 0,04 per cento a fronte di un meno 1,09 per cento su base annua, che è però il più forte tra tutti i paesi elencato. L'organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico prevede che se la situazione si confermerà come quella attuale nei mesi a venire, nel Regno si profila un rallentamento della crescita seguito da una stabilizzazione sul finale d'anno.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Terremoti
Terremoto, Juncker: Ue pronta a mobilitare tutti i suoi strumenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio, 9 orologi atomici in avaria sui 18 satelliti di Galileo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale