giovedì 23 febbraio | 02:40
pubblicato il 21/gen/2015 15:02

Opec:non tagliamo offerta petrolio perché altri l'aumenterebbero

El Badri: se avessimo tagliato a novembre avremmo dovuto rifarlo

Opec:non tagliamo offerta petrolio perché altri l'aumenterebbero

Roma, 21 gen. (askanews) - Negli ultimi 10 anni i paesi dell'Opec hanno sistematicamente diminuito l'offerta di petrolio, mentre i produttori che non aderiscono al cartello hanno aumentato le loro forniture. "Mettere assieme Stati Opec e non Opec per risolvere il problema del cali dei prezzi non ha funzionato, e per questo al vertice di novembre all'Opec non abbiamo ridotto l'offerta". Lo ha affermato il segretario generale dell'Opec, Abdalla Salem El Badri durante il Wolrd Economic Forum.

"Se avessimo tagliato a novembre avremmo dovuto tagliare ancora, forse a marzo o a giugno. Nessuno poteva sapere di quanto complessivamente - ha proseguito - e intanto i paesi non Opec ci avrebbero sostituito con petrolio a prezzi bassi". Così si è stabilito di non ridurre l'offerta, "ci sono stati alcuni dissensi ma poi la decisione è stata collettiva".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Alitalia
Alitalia, Uilt: pronti a nuovi scioperi, domani confermato
Alitalia
Alitalia, domani sciopero di 4 ore. Sindacati pronti a nuovi stop
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech