venerdì 02 dicembre | 19:42
pubblicato il 15/set/2014 12:00

Ocse taglia stime Pil Italia, 2014 -0,4% 2015 +0,1%, peggiore G7

Un intero punto in meno rispetto a maggio

Ocse taglia stime Pil Italia, 2014 -0,4% 2015 +0,1%, peggiore G7

Roma, 15 set. (askanews) - Pesante taglio alle previsioni di crescita economica dell'Italia da parte dell'Ocse: per quest'anno ora pronostica una recessione del Pil dello 0,4 per cento, laddove meno di cinque mesi fa stimava un più 0,5 per cento, in pratica un taglio di 0,9 punti. Sul 2015 invece la riduzione è di un intero punto percentuale: crescita attesa allo 0,1 per cento, a fronte del più 1,1 per cento indicato nell'Economic Outlook pubblicato il 6 maggio scorso. Performance che confermano la Penisola all'ultimo posto delle grandi economie avanzate del G7, dopo il meno 1,8 per cento registrato dal Pil lo scorso anno. Peraltro se l'ente parigino ha rivisto al ribasso le stime su quasi tutti i paesi, con l'eccezione di Gran Bretagna e Canada, i tagli più consistenti sono toccati sempre all'Italia. In generale, in un parziale aggiornamento di interim delle sue previsioni, l'Ocse parla di una economia globale che continua a crescere "a ritmi moderati e dicontinui", con andamenti divergenti tra le varie aree economiche. In particolare con gli Usa che segnano ritmi di espansione solidi, l'Ocse prevede più 2,1 per cento quest'anno e più 3,1 per cento nel 2015, mentre l'area euro versa in una congiuntura debole: più 0,8 per cento del Pil complessivo nel 2014 e più 1,1 per cento nel 2015. In Germania la crescita si attesterà al più 1,5 per cento sia quest'anno che il prossimo, mentre in Francia si registrerà un più 0,4 per cento sul 2014 e un più 1 per cento sul 2015. In gippone è atteso più 0,9 per cento quest0'anno e più 1,1 per cento il prossimo, in Gran Bretagna rispettivamente più 3,1 per cento più 2,8 per cento. Nel documento l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico avverte che la moderazione della crescita significa che il mercato del lavoro resterà in una situazione "sostanzialmente fiacca", specialmente nell'eurozona, mentre il commercio globale risulterà lento. La crescita però dovrebbe in qualche misura migliorare durante la secondo metà di quest'anno e il prossimo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Censis
Censis: ko economico giovani,più poveri di coetanei di 25 anni fa
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari