sabato 21 gennaio | 06:13
pubblicato il 07/lug/2016 12:14

Ocse promuove il Jobs Act, ora lanciare Anpal e deroghe contratti

Scongiurato il rischio di effetti negativi riforme a breve

Ocse promuove il Jobs Act, ora lanciare Anpal e deroghe contratti

Roma, 7 lug. (askanews) - Sulle riforme del mercato del lavoro e il Jobs Act in particolare l'Italia è riuscita a scongiurare il rischio di "effetti indesiderati a breve termine", sia perché ha un mercato molto segmentato, sia per l'incentivazione del contratto a tutele crescenti che ha favorito "una creazione netta di occupazione" lo afferma l'Ocse nel capitolo sulla Penisola del suo rapporto annuale sull'occupazione.

"L'Employment Outlook 2016 analizza in dettaglio gli effetti sul mercato del lavoro di riforme strutturali, incluse quelle del mercato del lavoro. I risultati - rileva l'Ocse - suggeriscono che se in teoria c'è il rischio che queste riforme possano avere effetti indesiderati a breve termine, questi effetti non sono rilevanti quando le riforme intervengono in mercati del lavoro fortemente segmentati, come quello italiano. Questa evidenza internazionale è corroborata dall'esperienza di diversi paesi europei come la Spagna, il Portogallo e l'Italia".

"Nel caso italiano, in particolare, il Jobs Act ha incentivato l'uso di contratti a tutele crescenti al posto di contratti temporanei con creazione netta di occupazione. Inoltre - prosegue l'ente parigino - le nuove norme si applicano solo ai nuovi assunti ed incentivano quindi le assunzioni senza distruzione di posti esistenti. Infine, il Jobs Act ha esteso la copertura dei sussidi di disoccupazione e rafforzato le politiche attive di sostegno alla ricerca del posto di lavoro che secondo i risultati dell'Employment Outlook 2016 sono importanti strumenti complementari per rafforzare gli effetti positivi delle riforme".

L'azione di riforma deve quindi continuare, afferma ancora lo studio. "In particolare per rendere pienamente operativa l'Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro (Anpal). Inoltre, consentire di derogare dal contratto nazionale in caso di difficoltà economica permetterebbe alle imprese di usare altri margini di aggiustamento oltre all'occupazione. Infine, ridurre i vincoli alla concorrenza nelle industrie di rete ai livelli delle migliori pratiche Ocse, rendendo quindi i loro servizi più convenienti alle imprese che ne fanno uso, aumenterebbe l'impiego di circa il 1,7 per cento nel lungo termine".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4