martedì 21 febbraio | 15:32
pubblicato il 21/feb/2014 08:30

Ocse: Padoan, la ripresa e' lenta e prospetta fase di bassa crescita

Ocse: Padoan, la ripresa e' lenta e prospetta fase di bassa crescita

(ASCA) - Roma, 21 feb 2014 - L'Ocse lancia l'allarme sul rischio che l'economia globale sia condannata ad una fase di bassa crescita. E' quanto indica il capo economista dell'Ocse, Pier Carlo Padoan, e ora presidente Istat, nell'editoriale sull'aggiornamento del rapporto ''Going for growth'' rilevando che ''la generale decelerazione della produttivita' dall'inizio della crisi puo' lasciar presagire l'inizio di una nuova era di bassa crescita'', considerando il quadro di un ''ritmo della ripresa globale che resta lento e crescenti preoccupazioni di un abbassamento strutturale dei tassi di crescita rispetto ai livelli pre crisi''. Padoan in particolare rileva che i timori gia' prevalenti nei paesi avanzati si sono ora ''estesi alle economie emergenti'' e sono aggravati dalla elevata disoccupazione e dal calo della partecipazione alla forza lavoro in numerosi Paesi.

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia