domenica 04 dicembre | 19:41
pubblicato il 24/set/2012 11:08

Ocse/ Padoan: Italia torni a crescere o rischia trappola debito

Ha superato il livello oltre il quale debito frena crescita

Ocse/ Padoan: Italia torni a crescere o rischia trappola debito

Roma, 24 set. (askanews) - L'Italia deve tornare a crescere o rischia come altri paesi di restare imprigionata nella "trappola del debito". A lanciare il monito è stato il capo economista dell'Ocse, Pier Carlo Padoan, intervenendo a Roma al convegno sulle riforme strutturali nella penisola organizzato assieme al governo. Padoan ha sottolineato l'importanza di portare avanti le riforme in parallelo al risanamento dei conti pubblici. Due obiettivi tra loro complementari, mentre la necessità delle riforme è resa pressante dall'esigenza di far tornare a crescere il paese in un contesto di competizione globale in cui negli anni passati "l'Italia - ha sottolineato - è il paese che ha fatto peggio sulla produttività in tutta l'Unione europea con l'eccezione della Grecia". Ora la penisola è di fronte a "una sfida che si deve collocare ad un punto di svolta in prospettive di lungo termine". Mentre in generale secondo gli studi dell'Ocse "vi sono crescenti evidenze che i paesi che hanno debiti pubblici elevati, oltre un dato livello che in Italia è stato superato, quando i debiti e non scendono subiscono un freno alla crescita".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari