sabato 03 dicembre | 01:41
pubblicato il 06/mag/2014 12:04

Ocse: lima Pil mondiale 2014 a 3,4%. Riforme per creare posti di lavoro

(ASCA) - Roma, 6 mag - Il mondiale crescera' del 3,4% nel 2014, e' quanto prevede l'Economic Outlook dell'Ocse. Si tratta di una revisione al ribasso rispetto alla precedente previsione del 3,6%. Per il prossimo anno e' attesa una crescita del 3,9%.

Per quanto riguarda i 34 paesi dell'area Ocse, si prevede una crescita media del Pil del 2,2% quest'anno e del 2,8% nel prossimo.

''La ripresa globale si rafforzera' nei prossimi due anni, ma serva una azione urgente per ridurre la disoccupazione e affrontare altri lasciti della crisi'', e' scritto nell'Outlook. ''Riforme strutturali piu' ambiziose sono necessarie per creare lavoro e spingere la crescita nelle economie avanzate e in quelle emgergenti'' sottolinea l'Ocse.

Per le economie avanzate l'Outlook stima una crescita media del Pil pari al 2,6% quest'anno e del 3,5% nel 2015.

Per i Briics (Brasile, Cina, India, Indonesia, Russia e Sud Africa) si prevede una crescita media del Pil del 5,3% quest'anno e del 5,7% per il prossimo.

red/men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari