domenica 26 febbraio | 22:55
pubblicato il 02/mag/2013 09:43

Ocse: Italia potrebbe uscire da recessione gia' nel 2013

(ASCA) - Roma, 2 mag - ''L'ambizioso programma di riforme'' avviato dall'Italia concentrato sul risanamento, ''assieme alle misure intraprese a livello dell'area dell'euro'', potrebbe aiutare il Paese a ''uscire dalla recessione gia' nel corso del 2013''. Lo afferma l'Ocse nel suo rapporto annuale sull'economia italiana, stimando che il Pil ''non dovrebbe iniziare a crescere prima del 2014''. ''L'Italia - si legge nel dossier - ha avviato un ambizioso programma di riforme volto a ripristinare la sostenibilita' delle finanze pubbliche e migliorare la crescita a lungo termine. Assieme alle misure intraprese a livello dell'Area dell'euro, questi auspicati interventi hanno ridotto i rischi di rallentamento economico e potrebbero aiutare l'Italia a uscire dalla recessione gia' nel corso del 2013''. Per quanto riguarda il Prodotto interno lordo, le previsioni dell'Ocse si attestano intorno a una crescita dello 0,5% nel prossimo anno. L'impatto del ''piano annunciato ad aprile 2013'' dal Governo Monti ''per ridurre significativamente i debiti arretrati della Pubblica Amministrazione'' resta, infatti, ''incerto''.

rba/mau/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech