mercoledì 22 febbraio | 01:08
pubblicato il 19/feb/2015 11:31

Ocse, Italia deve dare massima priorità a riforma lavoro

Attuare pienamente il contratto a tutele crescenti

Ocse, Italia deve dare massima priorità a riforma lavoro

Roma, 19 feb. (askanews) - L'Italia deve dare massima priorità alla riforma del mercato del lavoro per rafforzare la produttività e aumentare i posti di lavoro. E' la raccomandazione dell'Ocse all'Italia contenuta nel rapporto sul paese.

Nel dettaglio l'Ocse sollecita ad "attuare pienamente il contratto unico a tutela crescente, che prevede che le tutele aumentino gradualmente con il passare del tempo, pur salvaguardando i contratti esistenti".

Inoltre deve essere modificata "la composizione della spesa nelle politiche attive del mercato del lavoro", in particolare "limitare i programmi di formazione a coloro che ne hanno più bisogno; fornire assistenza ai disoccupati in cerca di lavoro in base alla loro situazione specifica".

Altra raccomandazione dell'Ocse è incoraggiare la partecipazione delle donne alla forza lavoro mediante orari di lavoro più flessibili e promuovendo una più ampia offerta di servizi di alta qualità di assistenza all'infanzia e agli anziani.

Inoltre "attuare pienamente il sistema unico di indennità di disoccupazione. Condizionare l'indennità di disoccupazione - scrive l'Ocse - all'obbligo di cercare attivamente un lavoro, e di accettare le offerte di lavoro e di formazione".

L'Ocse poi raccomanda l'Italia a "incoraggiare le parti sociali a raggiungere accordi salariali a livello aziendale con i rappresentanti di una maggioranza dei loro dipendenti".

Infine adottare una legge sulla concorrenza seguendo le raccomandazioni dell'Antitrust di introdurre la concorrenza nei servizi pubblici locali, di migliorare la concorrenza nel settore assicurativo, nel settore bancario, nelle industrie di rete, nelle professioni regolamentate e nel commercio al dettaglio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia