lunedì 27 febbraio | 00:39
pubblicato il 15/set/2011 11:11

Ocse/ In Italia ripresa mercato lavoro lenta, colpiti i giovani

A luglio disoccupazione giovanile al 27,6%

Ocse/ In Italia ripresa mercato lavoro lenta, colpiti i giovani

Milano, 15 set. (askanews) - "L'impatto della recente profonda crisi sul mercato del lavoro in Italia è stato relativamente mite, ma la ripresa è stata lenta". Lo sottolinea l'Ocse nel suo Employment Outlook 2011, che lancia l'allarme disoccupazione giovanile, il cui tasso si è attestato a luglio al 27,6%, uno dei più alti dell'area Ocse. Il tasso di disoccupazione italiano (secondo la definizione Ilo) è cresciuto di 2,5 punti percentuali tra l'inizio della crisi (secondo trimestre 2007) e il primo trimestre del 2010, quando ha raggiunto l'8,5%, un incremento comunque inferiore alla crescita media dell'area Ocse. Da allora, tuttavia - scrive l'Ocse - la ripresa è stata lenta. Il tasso di disoccupazione è sceso di solo mezzo punto percentuale in Italia, in linea con il lento calo visto nell'area Ocse. "Il recente rallentamento della ripresa economica nell'area euro suggerisce che la disoccupazione italiana resterà al di sopra del suo livello pre-crisi per un certo tempo", si legge. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech