lunedì 27 febbraio | 18:23
pubblicato il 06/apr/2016 09:42

Occupazione, ImpresaLavoro: 72 province sotto livelli pre-crisi

Firenze, Verona, Padova e Monza perdono posti di lavoro

Occupazione, ImpresaLavoro: 72 province sotto livelli pre-crisi

Roma, 6 apr. (askanews) - Segnali contrastati sull'andamento dell'occupazione nelle province italiane. Dal 2014 al 2015 il numero degli occupati in Italia è passato da 22.278.917 a 22.464.753, con una crescita di 185.836 unità in valore assoluto e dello 0,83% in termini percentuali. Questo leggero aumento dell'occupazione - secondo ImpresaLavoro - non si è però distribuito in maniera uniforme su tutto il territorio nazionale: tra le 110 province del nostro Paese, 67 hanno visto salire il numero degli occupati nel 2015 mentre 43 hanno conosciuto un arretramento rispetto ai livelli occupazionali del 2014.

Quanto al saldo occupazionale dal 2007 al 2015 (per effettuare una comparazione corretta i numeri di alcune province, create dopo il 2007, sono stati aggregati per rendere i dati omogenei), su 99 casi esaminati solo 27 risultano tornati sopra al livello occupazionale pre-crisi. Negli altri 72 casi, invece, il dato del 2015 è ancora inferiore - a volte in modo sensibile - rispetto a quello del 2007. Lo rivela un'analisi del Centro Studi ImpresaLavoro su elaborazione di dati Istat.

In cima alla graduatoria delle province con il migliore saldo positivo si segnalano Milano (+28.167) e Torino (+16.846), che sono due tra le cinque province del Nord nelle prime 15 posizioni, insieme a Bergamo (+9.828), Vicenza (+9.230) e Genova (+9.039), rispettivamente al sesto, nono posto e decimo posto. Ben rappresentato anche il Mezzogiorno d'Italia, con Cosenza (+11.783) e Trapani (+10.533) in terza e quarta posizione, davanti a Bari (+9.753), Palermo (+9.542), Salerno (+8.590) e Sassari (+8.231), rispettivamente al settimo, ottavo, dodicesimo e tredicesimo posto.

La provincia del Centro con l'aumento dell'occupazione più marcato dal 2014 al 2015 è Lucca (+9.882) in quinta posizione, davanti a Frosinone (+8.639), Pistoia (8.226) e Perugia (+7.950), rispettivamente all'undicesimo, quattordicesimo e quindicesimo posto della classifica. Fuori dalle prime quindici posizioni, ma comunque con un saldo occupazionale positivo, tra le province maggiori segnaliamo Venezia (+7.909), Cagliari (7.446), Napoli (7.349), Lecce (+6.698), Roma (+4.538) e Catania (+3.602).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech