venerdì 20 gennaio | 11:51
pubblicato il 15/set/2014 18:14

Nuovi maxi prestiti Bce rischiano di smuovere poco investimenti

In periferia scarsi effetti.Grandi imprese gia' piene di liquidita' (ASCA) - Roma, 15 set 2014 - Rischiano di avere effetti limitati sul tanto invocato rilancio degli investimenti, gli imminenti nuovi rifinanziamenti agevolati alle banche (e vincolati al riutilizzo nell'economia reale) che la Bce si appresta a sbloccare. Giovedi' verranno annunciati i risultati della prima operazione, di questi fondi chiamati in gergo tecnico "Tltro" (l'acronimo inglese di operazioni mirate di rifinanziamento a lungo termine).

L'ammontare di questa prima "iniezione" potrebbe anche raggiungere livelli di spettacolarita' utili a un eventuale "effetto mediatico". Ma secondo gli analisti dell'agenzia di rating Fitch "e' improbabile che impartiscano una svolta ai finanziamenti" dove servirebbe di piu': nell'Europa meridionale.

Soprattutto questo intervento quasi a nulla serve per sciogliere quello che appare uno dei nodi piu' intricati nella mancata ripartenza di Eurolandia: le imprese non investono nemmeno se hanno i soldi per farlo. Secondo i dati della societa' di revisioni contabili Deloitte, citati dal Financial Times, l'insieme delle societa' quotate nell'area economica di Europa, Medio oriente e Africa - di cui ovviamente l'Ue e' la principale - ha delle disponibilita' di liquidita' che hanno raggiunto 1.000 miliardi di euro. Ben 300 miliardi in piu' rispetto ai livelli del 2007, prima che esplodesse la crisi finanziaria globale.

E solo nell'ultimo anno, le 1.200 societa' che compongono l'indice Bloomberg Emea hanno aggiunto ulteriori 47 miliardi di euro alle loro disponibilita' di cassa. Ma appunto questi fondi da li' non si muovono o quasi: restano in cassa, di riserva, o al massimo vengono parcheggiati su investimenti finanziari di breve periodo.

Di ulteriori nuovi finanziamenti a prezzi ultraribassati da parte delle banche, le grandi societa' europee non sembrano avere impellente bisogno. Perche' possono gia' reperire tutte le liquidita' che servono direttamente sul mercato, emettendo obbligazioni a tassi retributivi molto bassi. Il quotidiano cita il caso del conglomerato industriale tedesco Siemens: a giugno aveva accumulato liquidita' per 8,2 miliardi di euro, mentre il suo indebitamento netto e' salito da 2,8 a 5,6 miliardi in meno di un anno.

Sono numerose le grandi compagnie della Germania - prima economia e locomotiva dell'area euro - che registrano situazioni simili. A Daimler (il gruppo che controlla Mercedes) le liquidita' avevano raggiunto quota 9,3 miliardi di euro alla fine dello scorso anno, contro un solo miliardo di fine 2008. A Basf le liquidita' si attestavano a 2,4 miliardi a giugno, 200 milioni in piu' rispetto ad un anno prima. Tutto questo "suggerisce che le imprese europee restano restie a impegnare su investimenti quote significative delle loro riserve".

Le banche quindi dovrebbero ipoteticamente finanziare iniziative su cui le imprese non sono disposte a rischiare le loro pur ingenti riserve. Ma la stessa propensione delle banche a erogare credito all'economia "potrebbe restare debole, a dispetto delle condizioni monetarie", dicono ancora gli analisti di Fitch nel rapporto.

Le banche invece potrebbero far ricorso a questi Tltro gia' sapendo di non volersi vincolare all'effettivo pieno riutilizzo nell'economia reale, semplicemente accettando di averli per un periodo inferiore a quello totale dell'operazione. Il rifianziamento di giovedi' scadra' nel settembre del 2018, ma gli istituti che non dovessero centrare i requisiti di impieghi necessari, dice Fitch, potrebbero semplicemente dover restituire i fondi due anni prima: nel settembre 2016. "Avranno comunque ottenuto il beneficio di due anni di rifinanziamenti a basso costo".

Voz

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Terremoti
Terremoto, Juncker: Ue pronta a mobilitare tutti i suoi strumenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale