domenica 19 febbraio | 18:04
pubblicato il 22/mar/2011 18:17

Nucleare/Governo sospende tutto per 1 anno,arriva moratoria

Domani al Cdm una dichiarazione politica. Escluso sito per scorie

Nucleare/Governo sospende tutto per 1 anno,arriva moratoria

Roma, 22 mar. (askanews) - Sul ritorno al nucleare il governo ferma tutto almeno per un anno. Domani - dopo aver annunciato la necessità di una pausa di riflessione per i fatti avvenuti in Giappone - con un atto politico, il Consiglio dei ministri farà "una dichiarazione di moratoria di un anno". L'iter sulla individiazione dei siti e la localizzazione delle centrali sarà fermato come ha annunciato il ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani. Si fermeranno in sostanza "le decisioni e la attivazione di procedure di ricerca di siti delle centrali", ha spiegato il ministro. E quindi anche le procedure per l'insediamento dell'Autorità per la sicurezza. Unico punto che andrà avanti quello della individuazione del sito nazionale per il deposito delle scorie come richiesto da un obbligo dell'Unione europea. In questo modo il governo - in attesa delle decisioni europee e degli stress test sulle centrali - punta a mettersi al riparo da brutte sorprese alle amministrative e al referendum dopo il terremoto-tsunami in Giappone e le pesanti ripercussioni sull'opinione pubblica scatenate dal disastro della centrale atomica di Fikushima. Il governo per tanto, ha spiegato Romani, sta valutando di portare domani al Consiglio dei ministri solo quella parte del decreto legislativo sulla localizzazione dei siti che riguarda lo stoccaggio delle scorie. "La nostra volontà - ha detto Romani - è di portare al Consiglio dei ministri quella parte del correttivo che riguarda il deposito nazionale per lo stoccaggio delle scorie perché si tratta di un grande tema di sicurezza". La moratoria, così, incide su tutto tranne che sulle scorie per le quali l'Italia ha un obbligo da rispettare dettato dall'Unione europea. L'esecutivo potrebbe dunque non presentare più il decreto legislativo sui siti nella sua versione corretta che tiene conto dei rilievi della Corte costituzionale sulla necessità di un parere delle regioni anche se non vincolante, dlgs esaminato dal Parlamento, lasciando cadere la delega il cui esercizio scadeva domani. Resterebbe però in vigore lo schema originario del dlgs 31 del 2010 nelle sue parti non corrette.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia