giovedì 23 febbraio | 09:02
pubblicato il 11/ott/2013 11:19

Nucleare: Conti, in Europa e' stato bandito troppo frettolosamente

Nucleare: Conti, in Europa e' stato bandito troppo frettolosamente

(ASCA) - Bruxelles, 11 ott - ''Abbiamo bandito in modo troppo affrettato la capacita' nucleare'' in Europa. Lo afferma l'amministratore delegato di Enel, Fulvio Conti, in occasione del convegno sul cambiamento delle politiche energetiche dell'Ue organizzato da dieci tra le principali compagnie europee del settore. ''La Germania e i paesi del Benelux hanno deciso di abbandonare il nucleare, e oggi i tedeschi hanno costi extra pari a venti miliardi di euro, e in Benelux dieci''. In Europa, continua Conti, ''viviamo una situazione paradossale: abbiamo una capacita' energetica in abbondanza con prezzi elevati''. L'ad di Enel lascia intendere che il ricorso al nucleare potrebbe essere una soluzione al problema. ''La Germania ha venti miliardi di costi extra quando gli impianti che sono fermi potrebbero produrre energia a basso costo''.

bne/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, Uilt: pronti a nuovi scioperi, domani confermato
Alitalia
Alitalia, domani sciopero di 4 ore. Sindacati pronti a nuovi stop
Intesa Sp
Intesa Sp, Gros-Pietro: Generali non ha chiesto ingresso in Cda
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
A Tallinn in Estonia un robot fattorino fa consegne a domicilio
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech