lunedì 23 gennaio | 05:26
pubblicato il 17/ago/2016 11:34

Norvegia, fondo sovrano maggiore del mondo ha reso 1,3% in 2 trim.

Grazie a obbligazioni (+2,5%). Sale anche componente azionaria

Norvegia, fondo sovrano maggiore del mondo ha reso 1,3% in 2 trim.

Roma, 17 ago. (askanews) - Il fondo pensione pubblico della Norvegia, il più grande fondo sovrano del mondo, ha registrato un rendimento del 1,3% nel secondo trimestre, principalmente a causa dei mercati obbligazionari. Lo ha annunciato la banca centrale norvegese.

Investito fuori della Norvegia e destinato ad assicurare il finanziamento sostenibile del generoso stato sociale di Oslo, il fondo valeva 7.177 miliardi di corone al 30 giugno (775 miliardi di euro), grazie a tale rendimento che ha rappresentato un incremento di 94 miliardi di corone.

"Dopo un periodo di relativa stabilità dei mercati all'inizio del trimestre, la decisione britannica di lasciare l'Unione europea ha innescato un forte calo (sui mercati finanziari, ad esempio) in Europa", ha commentato Trond Grande, il numero due del fondo in un comunicato.

"I mercati hanno recuperato abbastanza rapidamente, ma con ampie variazioni tra i settori", ha aggiunto. Se nel primo trimestre il fondo aveva perso circa 100 milioni di euro al giorno, questa volta ha messo a segno un rendimento positivo del 2,5% sui propri investimenti in obbligazioni, che rappresentano il 37,4% del portafoglio. "Gli investimenti a reddito fisso hanno visto i loro prezzi salire a causa dei tassi di interesse più bassi. A lungo termine, i tassi di interesse bassi, tuttavia, hanno implicazioni negative per i futuri rendimenti del portafoglio obbligazionario", ha detto M . Grande.

Le azioni (59,6% del portafoglio) hanno reso lo 0,7%, nonostante un calo nel settore finanziario (-2,5%) e nei mercati europei (-3,0%), in particolare in Gran -Bretagna (-3,4%), in risposta a Brexit. Investimenti immobiliari (3,1% del fondo) hanno nel frattempo accusato un rendimento negativo del 1,4%. Dopo aver effettuato nel primo trimestre i primi riscatti in 20 anni di esistenza del fondo, il governo ha ancora una volta sfruttato il suo gruzzolo per soddisfare le sue esigenze di bilancio: i riscatti netti hanno raggiunto i 24 miliardi dopo il 21 miliardi dei primi tre mesi dell'anno. Al contrario, l'indebolimento della corona norvegese rispetto alle principali valute ha generato una plusvalenza, meramente contabili, da 28 miliardi di corone. (con fonte Afp)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4