sabato 21 gennaio | 05:31
pubblicato il 20/gen/2016 12:30

Netflix batte stime con espansione estera e vola a Wall Street

Bene anche gli abbonati che aumentano più delle previsioni

Netflix batte stime con espansione estera e vola a Wall Street

New York, 20 gen. (askanews) - Netflix mostra che il suo modello è sostenibile e che, nonostante le spese per espandersi all'estero, il gruppo continua ad andare nella giusta direzione e la crescita degli abbonati non si ferma. Nel quarto trimestre del 2015 infatti ha battuto le stime del mercato sia per gli utili che per il numero di nuovi utenti, cosa che ieri ha spinto il titolo nel dopo mercato a Wall Street a guadagnare oltre l'8%.

Nel trimestre terminato lo scorso dicembre, Netflix ha messo a segno utili netti di 7 centesimi ad azione, in ribasso rispetto ai 10 dello stesso periodo del 2014, ma comunque sopra le stime del mercato che si attendeva 2 centesimi. Per quanto riguarda i ricavi il gruppo californiano ha registrato 1,82 miliardi di dollari, più 23% rispetto ai 1,49 miliardi dello stesso periodo del 2014. Tuttavia, se pur di poco, non ha battuto le stime degli analisti di 1,83 miliardi di dollari.

Ma a far ben sperare il mercato sono i numeri degli abbonati: nel trimestre passato ha aggiunto 5,59 milioni di nuovi iscritti, contro i 4,33 milioni dello stesso periodo del 2014. Le proiezioni erano per 5,15 milioni. Negli Stati Uniti ha aggiunto 1,56 milioni di persone e 4,04 milioni nel resto del mondo. Questo mese il gruppo ha annunciato di volersi espandere in altri 130 Paesi, raggiungendo così quota 190 Paesi. In tutto adesso il gruppo ha 74,8 milioni di abbonati in tutto il mondo. Per il trimestre in corso il gruppo si attende du aggiungere altri 6,1 milioni di nuovi abbonati.

A trainare il buon risultato è stato soprattutto l'arrivo in nuovi mercati europei, tra cui Italia, Spagna e Portogallo lo scorso ottobre, una operazione andata molto bene. La Cina è uno degli ultimi grandi mercati mondiali in cui Netflix non è ancora presente. Nei prossimi mesi aprirà anche in Corea del Sud, Singapore, Hong Kong e Taiwan anche se i costi dovrebbero essere più alti a causa della volatilità dei mercati. Netflix inoltre negli ultimi anni ha speso parecchio denaro in programmi originali: tra questi "Orange is the New Black", "Narcos" e il film "Beasts of No Nation". Oltre a questi ha continuato la produzione del successo "House of Cards".

Le azioni del gruppo, che negli ultimi 12 mesi sono cresciute del 5,2%, ieri nel dopo mercato hanno aggiunto fino all'8%. In attesa dei conti arrivati a mercati chiusi avevano terminato la seduta in rialzo del 3,7% a 107,89 dollari.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4