domenica 11 dicembre | 05:45
pubblicato il 17/ott/2013 11:43

Nestle': Coldiretti, ha gia' San Pellegrino, Buitoni e Perugina

Nestle': Coldiretti, ha gia' San Pellegrino, Buitoni e Perugina

(ASCA) - Roma, 17 ott - Dalla Perugina alla Buitoni fino all'Antica Gelateria del Corso e alla San Pellegrino sono i pezzi piu' pregiati del Made in Italy che sono da anni nelle mani della multinazionale svizzera Nestle'. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti, in relazione alle voci sull'interesse del colosso elvetico per l'italianissima Ferrero, dalla quale si evidenzia che sono gia' pari ad oltre 10 miliardi il valore dei marchi storici dell'agroalimentare italiano passati in mani straniere dall'inizio della crisi che ha favorito una escalation nelle operazioni di acquisizione del Made in Italy agroalimentare.

Negli anni Novanta - sottolinea la Coldiretti - erano state Locatelli e San Pellegrino ad entrare nel gruppo Nestle', anche se poi la prima era stata ''girata'' alla solita Lactalis (1998). La stessa Nestle' possiede gia' dal 1993 il marchio Antica gelateria del Corso e addirittura dal 1988 la Buitoni e la Perugina. Nel 2013 rischia cosi' di accelerare ulteriormente il fenomeno che sta vedendo pezzi pregiati del made in Italy agroalimentare, e non solo, finire in mani straniere. Nel luglio scorso era stata annunciata la decisione della societa' Averna di cedere l'intero capitale dell'azienda piemontese detentrice dello storico marchio dei dolci al gruppo Toksoz in Turchia che e' il maggior produttore mondiale di nocciole.

Un'operazione che segue da vicino l'acquisizione da parte della multinazionale del lusso Lvmh di una partecipazione di maggioranza nel capitale sociale della Pasticceria Confetteria Cova proprietaria della societa' Cova Montenapoleone Srl, che gestisce la nota pasticceria milanese, mentre l'ultimo colpo nelle campagne toscane e' stato messo a segno - sottolinea la Coldiretti - da un imprenditore cinese della farmaceutica di Hong Kong, che ha acquistato per la prima volta un'azienda vitivinicola agricola nel Chianti, terra simbolo della Toscana per la produzione di vino: l'azienda agricola Casanova - La Ripintura, a Greve in Chianti, nel cuore della Docg del Gallo Nero.

Nel 2013 - conclude la Coldiretti - si e' verificato il passaggio di mano del 25% della proprieta' del riso Scotti ceduto dalla famiglia pavese al colosso industriale spagnolo Ebro Foods.

red/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina