martedì 17 gennaio | 12:23
pubblicato il 17/ott/2013 11:43

Nestle': Coldiretti, ha gia' San Pellegrino, Buitoni e Perugina

Nestle': Coldiretti, ha gia' San Pellegrino, Buitoni e Perugina

(ASCA) - Roma, 17 ott - Dalla Perugina alla Buitoni fino all'Antica Gelateria del Corso e alla San Pellegrino sono i pezzi piu' pregiati del Made in Italy che sono da anni nelle mani della multinazionale svizzera Nestle'. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti, in relazione alle voci sull'interesse del colosso elvetico per l'italianissima Ferrero, dalla quale si evidenzia che sono gia' pari ad oltre 10 miliardi il valore dei marchi storici dell'agroalimentare italiano passati in mani straniere dall'inizio della crisi che ha favorito una escalation nelle operazioni di acquisizione del Made in Italy agroalimentare.

Negli anni Novanta - sottolinea la Coldiretti - erano state Locatelli e San Pellegrino ad entrare nel gruppo Nestle', anche se poi la prima era stata ''girata'' alla solita Lactalis (1998). La stessa Nestle' possiede gia' dal 1993 il marchio Antica gelateria del Corso e addirittura dal 1988 la Buitoni e la Perugina. Nel 2013 rischia cosi' di accelerare ulteriormente il fenomeno che sta vedendo pezzi pregiati del made in Italy agroalimentare, e non solo, finire in mani straniere. Nel luglio scorso era stata annunciata la decisione della societa' Averna di cedere l'intero capitale dell'azienda piemontese detentrice dello storico marchio dei dolci al gruppo Toksoz in Turchia che e' il maggior produttore mondiale di nocciole.

Un'operazione che segue da vicino l'acquisizione da parte della multinazionale del lusso Lvmh di una partecipazione di maggioranza nel capitale sociale della Pasticceria Confetteria Cova proprietaria della societa' Cova Montenapoleone Srl, che gestisce la nota pasticceria milanese, mentre l'ultimo colpo nelle campagne toscane e' stato messo a segno - sottolinea la Coldiretti - da un imprenditore cinese della farmaceutica di Hong Kong, che ha acquistato per la prima volta un'azienda vitivinicola agricola nel Chianti, terra simbolo della Toscana per la produzione di vino: l'azienda agricola Casanova - La Ripintura, a Greve in Chianti, nel cuore della Docg del Gallo Nero.

Nel 2013 - conclude la Coldiretti - si e' verificato il passaggio di mano del 25% della proprieta' del riso Scotti ceduto dalla famiglia pavese al colosso industriale spagnolo Ebro Foods.

red/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Fca
Fca, Berlino: richiamare Jeep Renegade, Fiat 500 e Doblò
Conti pubblici
Conti pubblici: Ue chiede il conto, Italia tratta
Fca
Fca, Delrio: richieste Germania? A Italia non si danno ordini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Ciberfisica, al via sviluppo tecnologie per affidabilità sistemi
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Tempesta di neve in Tunisia: migliaia di auto intrappolate