sabato 03 dicembre | 08:00
pubblicato il 19/mar/2015 15:55

Nella Ue i più felici sono scandinavi, giovani italiani tristi

Danesi, svedesi e finlandesi i più soddisfatti, piangono bulgari

Nella Ue i più felici sono scandinavi, giovani italiani tristi

Roma, 19 mar. (askanews) - Domani ricorre la Giornata internazionale della Felicità. Come se la passano gli italiani? Non proprio bene, lontani dal top.

Il livello di felicità degli abitanti del Belpaese è sotto la media Ue, i giovani addirittura al terz'ultimo posto insieme ai greci. Sono alcuni dei numeri di Eurostat, che oggi ha pubblicato la prima indagine statistica sul livello di felicità (o soddisfazione) dei cittadini della Ue.

L'indagine campionaria svolta nel 2013 ha consentito di elaborare un indicatore di soddisfazione che varia da 10 punti(pienamente soddisfatto) a 0 (assolutamente insoddisfatto).

Tra i dati incoraggianti quello che vede l'80% della popolazione residente nella Ue con un indice di soddisfazione di 6 o superiore, dunque sufficiente o sopra la sufficienza. Le condizioni materiali di vita, le relazioni sociali e lo stato di salute sono chiaramente delle variabili importanti per misurare il grado di soddisfazione del proprio vivere.

Al top della felicità ci sono danesi, svedesi e finlandesi, questi ultimi anche al top dell'Eurozona, tutti con un punteggio di 8. Seguono olandesi e austriaci (7,8 punti), belgi (7,6), lussemburghesi (7,5), irlandesi (7,4), tedeschi, britannici e polacchi (7,3), rumeni (7,2), maltesi (7,1). Tutti questi cittadini hanno un indice di soddisfazione personale superiore o uguale a quello della media Ue (7,1).

Un filino sotto la media i francesi (7,0), poi gli spagnoli (6,9). Più lontani gli italiani (6,7) nonchè portoghesi, greci, ciprioti e ungheresi, tutti a 6,2 punti. I più infelici i bulgari con appena 4,8 punti.

Fuori dalla Ue, ma sempre in Europa, molto soddisfatti gli svizzeri (8 punti), poi gli islandesi (7,9), che proprio recentemente hanno ritirato la loro candidatura per entrare nell'Unione europea.

Se si guarda alle classi di età, i giovani italiani tra 16-24 anni hanno un indice di felicità pari a 7 punti, a pari merito con i coetanei greci. Insieme occupano, nell'Unione Europea, il terz'ultimo posto nella scala della felicità giovanile. Peggio stanno solo i giovani ciprioti (6,9) e bulgari (5,8). I più felici gli austriaci (8,4) ed i soliti finlandesi (8,2), i tedeschi sono a 7,6 punti, in linea con la media Ue (7,6 punti) dei giovani.

L'indagine di Eurostat non segnala divergenze di genere nella Ue, gli uomini presentano un indice di soddisfazione pari a 7,1, le donne sono a 7 punti.

La "salute innanzitutto" è questo il motto per essere felici che emerge dall'indagine di Eurostat. I giudizi molto positivi sulla propria vita sono associati con buone condizioni di salute, seguono le condizioni di reddito, quelle di lavoro e le relazioni sociali.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari