mercoledì 07 dicembre | 21:30
pubblicato il 21/dic/2013 11:18

Natale: Confesercenti, 91% festeggia a casa. Spesa modica per il pranzo

Natale: Confesercenti, 91% festeggia a casa. Spesa modica per il pranzo

(ASCA) - Roma, 21 dic - Gli italiani, anche quest'anno, vivranno l'atmosfera e la magia del Natale in casa, nel segno della tradizione e dello stare in famiglia. Secondo quanto emerge da un sondaggio Confesercenti-Swg sulle abitudini natalizie degli italiani, il 91% degli adulti italiani (oltre 43 milioni) celebrera' la Vigilia o il pranzo di Natale insieme ai parenti stretti, imbandendo le tavole con menu' ricchi ed elaborati della tradizione locale dal punto di vista gastronomico. Sostanzialmente stabile rispetto allo scorso anno il budget medio dedicato (96 euro) anche se si spendera' con piu' attenzione rispetto al 2012, all'insegna di minor quantita' ma maggior qualita'.

Dal sondaggio emerge che il 'ritrovarsi in famiglia' e' l'elemento insostituibile degli italiani per celebrare il Natale, anche se quest'anno la spesa media per imbandire le tavole delle feste e' in leggera flessione: cala dell'1% la spesa per il menu' natalizio rispetto al 2012 per una media di 96 euro a testa. Torna a salire la quota di italiani indirizzati verso una scelta low-cost, con una spesa contenuta entro i 75 euro: sono il 54% (era il 51% nel 2012).

Passa, invece, dal 34% al 33% la fetta di concittadini che spenderanno da 76 a 125 euro mentre rimane stabile al 12% la scelta di ordinare fino a 250 euro a persona per i piatti natalizi. In calo, infine, dal 3% all'1% i supermenu' da oltre 250 euro.

Quanto al menu', Gian Paolo Angelotti, presidente di Fiesa-Confesercenti spiega che ''i clienti scelgono un menu' tradizionale per le portate principali che rispecchia le specialita' locali, con ricchi piatti decisamente elaborati.

I consumi alimentari proseguono anche spinti dalle promozioni ed offerte sui prodotti tipici natalizi, ma gli italiani scelgono anche pietanze da rielaborare: per il pranzo di Natale si recupera il brodo dei tortelli della vigilia per gustosi risotti con funghi porcini o al tartufo, curiosamente piu' richiesto quest'anno (nonostante il costo elevato) anche per farcire fagiani e conigli. Cotechini ed insaccati sono un must natalizio, cosi' come i contorni ed i piatti di accompagnamento non mancano in cucina: dalle patate al forno ai carciofi, dalle melanzane ai finocchi gratinati, le verdure seguono sempre i piatti principali. Ancora in calo, invece, il consumo di agnello. Non mancano, infine, sulle tavole della festa piu' importante dell'anno dolciumi e prodotti artigianali: panettone, pandoro (spesso farcito in versione sia dolce che salata) torroni, struffoli, panforte, biscotti speziati e frutta secca rappresentano il momento piu' atteso di un buon fine pasto''.

com-drc/vlm/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni