sabato 25 febbraio | 14:55
pubblicato il 21/dic/2013 11:18

Natale: Confesercenti, 91% festeggia a casa. Spesa modica per il pranzo

Natale: Confesercenti, 91% festeggia a casa. Spesa modica per il pranzo

(ASCA) - Roma, 21 dic - Gli italiani, anche quest'anno, vivranno l'atmosfera e la magia del Natale in casa, nel segno della tradizione e dello stare in famiglia. Secondo quanto emerge da un sondaggio Confesercenti-Swg sulle abitudini natalizie degli italiani, il 91% degli adulti italiani (oltre 43 milioni) celebrera' la Vigilia o il pranzo di Natale insieme ai parenti stretti, imbandendo le tavole con menu' ricchi ed elaborati della tradizione locale dal punto di vista gastronomico. Sostanzialmente stabile rispetto allo scorso anno il budget medio dedicato (96 euro) anche se si spendera' con piu' attenzione rispetto al 2012, all'insegna di minor quantita' ma maggior qualita'.

Dal sondaggio emerge che il 'ritrovarsi in famiglia' e' l'elemento insostituibile degli italiani per celebrare il Natale, anche se quest'anno la spesa media per imbandire le tavole delle feste e' in leggera flessione: cala dell'1% la spesa per il menu' natalizio rispetto al 2012 per una media di 96 euro a testa. Torna a salire la quota di italiani indirizzati verso una scelta low-cost, con una spesa contenuta entro i 75 euro: sono il 54% (era il 51% nel 2012).

Passa, invece, dal 34% al 33% la fetta di concittadini che spenderanno da 76 a 125 euro mentre rimane stabile al 12% la scelta di ordinare fino a 250 euro a persona per i piatti natalizi. In calo, infine, dal 3% all'1% i supermenu' da oltre 250 euro.

Quanto al menu', Gian Paolo Angelotti, presidente di Fiesa-Confesercenti spiega che ''i clienti scelgono un menu' tradizionale per le portate principali che rispecchia le specialita' locali, con ricchi piatti decisamente elaborati.

I consumi alimentari proseguono anche spinti dalle promozioni ed offerte sui prodotti tipici natalizi, ma gli italiani scelgono anche pietanze da rielaborare: per il pranzo di Natale si recupera il brodo dei tortelli della vigilia per gustosi risotti con funghi porcini o al tartufo, curiosamente piu' richiesto quest'anno (nonostante il costo elevato) anche per farcire fagiani e conigli. Cotechini ed insaccati sono un must natalizio, cosi' come i contorni ed i piatti di accompagnamento non mancano in cucina: dalle patate al forno ai carciofi, dalle melanzane ai finocchi gratinati, le verdure seguono sempre i piatti principali. Ancora in calo, invece, il consumo di agnello. Non mancano, infine, sulle tavole della festa piu' importante dell'anno dolciumi e prodotti artigianali: panettone, pandoro (spesso farcito in versione sia dolce che salata) torroni, struffoli, panforte, biscotti speziati e frutta secca rappresentano il momento piu' atteso di un buon fine pasto''.

com-drc/vlm/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Volkswagen
Volkswagen, torna in utile nel 2016 per 5,1 mld dopo dieselgate
Generali
Intesa Sanpaolo: non individuate opportunità su Generali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech