domenica 04 dicembre | 17:52
pubblicato il 24/gen/2013 15:29

Mps:Confindustria Siena, serve impegno per uscirne migliori e piu' forti

(ASCA) - Roma, 24 gen - ''E' questo un momento particolarmente delicato per Siena e per il suo territorio.

C'e' palpabile il timore o meglio oggi la consapevolezza che si vada rescindendo lo storico legame del territorio con la propria Banca e che quindi sia venuto meno un modello di sviluppo di cui il Mps rappresentava certo una solida cinghia di trasmissione'' cosi' Cesari Cecchi, presidente dell'Associazione degli industriali di Siena, commenta le problematiche vicende in cui e' finita Rocca Salimbeni.

''Come Associazione Industriali della provincia di Siena, gia' al momento del manifestarsi delle prime criticita' e poi all'insediamento dei nuovi vertici dell'Istituto, abbiamo richiesta con forza che ogni sforzo fosse fatto per recuperare da subito serenita' operativa e livelli di redditivita' adeguati al ruolo che il credito deve svolgere a sostegno dell'economia in termini di creazione di ricchezza e di diffusione di benessere'', prosegue Cecchi.

''Sappiamo per certo che dalla crisi non usciremo uguali a quando vi siamo entrati, ma non vedo ragione per non operare per uscirne migliori e strutturalmente piu' forti'', conclude il numero uno degli industrali di Siena.

com/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari