lunedì 05 dicembre | 04:16
pubblicato il 20/giu/2013 18:11

Mps: sindaco, Fondazione non autorevole consulti Comune su 4%

(ASCA) - Siena, 20 giu - Sull'eliminazione del tetto del 4% al diritto di voto per i soci privati di Banca Mps, la Fondazione non e' 'autorevole' e dunque deve consultarsi con il Comune. Lo ha detto il neo sindaco di Siena Bruno Valentini (Pd), rispondendo a una domanda dei giornalisti nel corso della presentazione della nuova giunta.

La banca ha convocato per il 18 luglio l'assemblea dei soci, proprio per decidere sull'abolizione del tetto.

''La banca - ha detto Valentini - e' libera di farlo, non dico alla banca cosa deve fare, purtroppo il sindaco che diceva alla banca cosa fare lo abbiamo avuto in passato. Io dico alla Fondazione che la sua autorevolezza e' minima e dunque prima di assumere una decisione deve confrontarsi con l'ente che ha nominato i suoi membri e che nominera' la nuova deputazione, perche' l'indirizzo politico che daremo grava anche su di loro''. Per Valentini, ''certamente il problema e' dare stabilita' patrimoniale alla Fondazione, tornare a un forte valore azionario, avere una stabilita' dei soci. Come fare questo non sta a me dirlo, ognuno faccia il suo dovere, domandatelo a chi dirige la banca''. Valentini si e' anche detto ''meravigliato del fatto che la Provincia assuma responsabilita' senza coordinarsi con Comune e Regione''.

afe/rf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari